Giovedì, 27 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio La Borsa italiana? Vale meno di Apple
PIAZZA AFFARI

La Borsa italiana?
Vale meno di Apple

piazza affari, Sicilia, Archivio

Scambiare tutte le societ‡ quotate a Piazza Affari con la Apple? Un affare, visto che oltre a una semplificazione del portafoglio ñ sui monitor di borsa baster‡ seguire un solo titolo anzichË i quasi 300 del listino milanese - lo scambio porterebbe con sË una plusvalenza di circa 140 miliardi di euro.
Paradossi delle quotazioni azionarie, secondo cui líazienda di Cupertino vale 464 miliardi di euro contro i 325 miliardi di tutta la 'corporate Italy' quotata in borsa. Ma anche un segnale díallarme per la nostra ossatura industriale e finanziaria che, complice il crollo delle quotazioni azionarie (gli indici di Milano sono di nuovo prossimi ai minimi dallo scoppio della crisi), si trova esposta alle mire di colossi e fondi stranieri.

Scambiare tutte le società quotate a Piazza Affari con la Apple? Un affare, visto che oltre a una semplificazione del portafoglio sui monitor di borsa basterà seguire un solo titolo anziché i quasi 300 del listino milanese - lo scambio porterebbe con sé una plusvalenza di circa 140 miliardi di euro.

Paradossi delle quotazioni azionarie, secondo cui líazienda di Cupertino vale 464 miliardi di euro contro i 325 miliardi di tutta la 'corporate Italy' quotata in borsa. Ma anche un segnale díallarme per la nostra ossatura industriale e finanziaria che, complice il crollo delle quotazioni azionarie (gli indici di Milano sono di nuovo prossimi ai minimi dallo scoppio della crisi), si trova esposta alle mire di colossi e fondi stranieri.

 

Con gli indici di Piazza Affari di nuovo vicini ai minimi dallo scoppio della crisi, i "gioielli" finanziari tornano scalabili a prezzi stracciati. La capitalizzazione dell'intero listino e' scesa a 325 miliardi di euro, meno di Apple (464 miliardi) e di Exxon Mobile (330 miliardi) le due più grandi società mondiali per valore di borsa. Particolarmente vulnerabili i grandi gruppi con azionariato frammentato, come Intesa (15 miliardi), Generali (14 miliardi), Unicredit (15 miliardi).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook