Sabato, 10 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Alla Fondazione Lucifero s'insedia il nuovo Cda
MILAZZO

Alla Fondazione Lucifero
s'insedia il nuovo Cda

fondazione lucifero, milazzo, Sicilia, Archivio

Giovedì 6 settembre si insedierà il nuovo consiglio di amministrazione della Fondazione Lucifero. L'ente è privo di vertice in quanto non è stata rinnovata la nomina di commissario al funzionario regionale Leonardo Santoro. A convocare il cda è stata la segretaria Lucia Lombardo. A far parte del cda sono Enzo Russo, Antonio Nicosia (entrambi nominati dal comune), Franco Rizzo (Provveditorato), Francesco Marullo di Condojanni (Corte di Appello), Francesco Iannucci (Curia), Maria Di Nardo (Prefettura). Non è stato ancora scelto il nome del rappresentante della Regione.
Inoltre, l’Amministratore dell’Azienda Planeta, Diego Planeta, ha presentato, in anteprima, lo stato dell’arte che ad oggi ha visto il recupero, per la messa in produzione dell’olio Valdemone DOP, degli oliveti secolari delle tenute della Fondazione. 
Tra le attività intraprese dall'Ente, l’avvio di percorsi museali che prevedono, con la collaborazione della Soprintendenza ai BB.CC. di Messina, il restauro della Chiesetta di San Nicola e dei beni documentali ed artistici che verranno catalogati per essere esposti alla fruizione pubblica.
La Fondazione sta puntando sulle attività di turismo ambientale-scolastico ed ha annunciato l’avvio da parte della Forestale dei lavori per il recupero dei sentieri naturalistici.
Il Commissario ha anche annunciato l’invio a Palermo, per il relativo finanziamento, di un progetto per la manutenzione straordinaria del patrimonio rurale della Fondazione. Il progetto prevede la realizzazione di una fattoria didattica e di una serie di lavori che arricchiranno l’offerta educativa dell’I.P.A.B.
L'ing. Santoro ha anche svelato l'intento di fare richiesta di adesione all'associazione antimafie Libera, "a conferma del percorso di educazione alla legalità avviato dall’Ente".
Infine, è stato sottolineato dal Commissario come il patrimonio della Fondazione debba costituire una risorsa per il territorio ed in questo senso continuerà ad adoperarsi per tutta la durata del proprio mandato. Parimenti continuerà l’attività di risanamento economico dell’Ente volto al recupero dei crediti vantati nei confronti degli affittuari morosi.

Giovedì 6 settembre si insedierà il nuovo consiglio di amministrazione della Fondazione Lucifero. La riunione è stata convocata dal segretario Lucia Lombardo in quanto il commissario Leonardo Santoro è decaduto. A far parte del cda sono Enzo Russo, Antonio Nicosia (entrambi nominati dal comune), Franco Rizzo (Provveditorato), Francesco Marullo di Condojanni (Corte di Appello), Francesco Iannucci (Curia), Maria Di Nardo (Prefettura). Non è stato ancora scelto il nome del rappresentante della Regione. Numerosi i progetti che la Fondazione sta portando avanti: dall'attività dell’Azienda Planeta, Diego Planeta alla valorizzazione del patrimonio esistente. Tra le attività intraprese dall'Ente, l’avvio di percorsi museali che prevedono, con la collaborazione della Soprintendenza ai BB.CC. di Messina, il restauro della Chiesetta di San Nicola e dei beni documentali ed artistici che verranno catalogati per essere esposti alla fruizione pubblica.La Fondazione sta puntando sulle attività di turismo ambientale-scolastico ed ha annunciato l’avvio da parte della Forestale dei lavori per il recupero dei sentieri naturalistici.In itinere il progetto per la manutenzione straordinaria del patrimonio rurale della Fondazione. Il progetto prevede la realizzazione di una fattoria didattica e di una serie di lavori che arricchiranno l’offerta educativa dell’I.P.A.B.L'ing. Santoro ha anche svelato l'intento di fare richiesta di adesione all'associazione antimafie Libera, "a conferma del percorso di educazione alla legalità avviato dall’Ente".Infine, è stato sottolineato dal Commissario come il patrimonio della Fondazione debba costituire una risorsa per il territorio ed in questo senso continuerà ad adoperarsi per tutta la durata del proprio mandato. Parimenti continuerà l’attività di risanamento economico dell’Ente volto al recupero dei crediti vantati nei confronti degli affittuari morosi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook