Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
PRIMARIE CENTROSINISTRA

Sfida tv, testa a testa
tra Bersani e Renzi

La sfida a 5 si è tradotta, stando ai sondaggi, in un duello tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi con alcune incursioni di Nichi Vendola. E avrebbe determinato spostamenti di voto a favore del sindaco di Firenze, ritenuto, peraltro da Nicola Piepoli il vincitore assoluto della sfida perché "più seduttivo" e comunicativo. Il verdetto di un 'istant poll' (condotto con metodologia Cawi dall'istituto Quorum in collaborazione con Repubblica.it. su un campione di 2.700 potenziali elettori delle primarie che hanno seguito il confronto tv) dà un "sostanziale pareggio tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi". Secondo il 33% dei telespettatori il più convincente è stato il segretario del Pd, seguito dal sindaco di Firenze al 31%. Secondo il 12% degli intervistati, ha invece prevalso Vendola. Solo il 5% ha indicato Bruno Tabacci e il 4% ha premiato Laura Puppato.

 Sempre secondo il sondaggio Quorum-Repubblica.it: Renzi vince tra i giovani, Bersani tra gli over 55. Bersani vince tra le donne (34% a 26% su Renzi), pareggio tra gli uomini (33% a 33%). Tra gli under 35 successo del sindaco di Firenze, che stacca Bersani 38% a 23%, con Vendola al 17 per cento. Opposto il risultato tra gli over 55, con Bersani al 51% contro il 20% di Renzi. Inoltre, ben il 26% del campione dice che potrebbe aver cambiato idea su chi votare alle primarie: tra questi elettori, Renzi è in lieve vantaggio su Bersani nelle intenzioni di voto, con 26% contro il 22. Stando al 'Live Poll' esclusivo dell'Istituto Demopolis che ha sondato in tempo reale l'opinione degli italiani che hanno seguito il confronto in tv "Renzi è stato il più chiaro, Vendola il più coinvolgente, Bersani il più concreto". 

"Matteo Renzi e Nichi Vendola confermano la loro maggiore confidenza con il mezzo televisivo, rispetto al segretario del PD Pierluigi Bersani, di cui viene comunque particolarmente apprezzata l'estrema concretezza. Laura Puppato appare, nella percezione dei telespettatori, più coinvolgente di un troppo pragmatico Bruno Tabacci". "Le posizioni più efficaci e condivise - afferma il direttore dell'Istituto Demopolis Pietro Vento - risultano quelle di Renzi sui costi della politica, di Bersani sull'Europa e sull'occupazione giovanile e di Vendola sulle politiche fiscali". Il Sindaco di Firenze conquista, con il 32%, il podio della chiarezza, superando il Governatore pugliese e il Segretario del PD. Il programma di Bersani appare maggiormente concreto (27%) di quello dei competitor, mentre Vendola è ritenuto dai telespettatori il leader più coinvolgente, seguito da Matteo Renzi.

Nessun colpo basso, severamente impedito dalle regole del format, ma qualche scintilla soprattutto sul finanziamento pubblico ai partiti e sulle alleanze. Il confronto 'stile X factor' tra i 5 candidati alle primarie del centrosinistra conferma le distanze tra gli aspiranti premier che per due ore, tra risposte alle domande e appello finale, hanno chiarito le loro posizioni sui programmi senza coup de teatre né conigli dal cilindro. Preceduti da una breve biografia, Bruno Tabacci, Laura Puppato, Matteo Renzi, Nichi Vendola e Pier Luigi Bersani sono entrati al teatro della Luna, studio milanese di Sky, e si sono sistemati in piedi dietro ad un leggio. Per gli uomini completo scuro e giacca abbottonata, Bersani non ha rinunciato alla cravatta rossa e Renzi alla camicia bianca. Spicca l'unica donna, Laura Puppato, con un completo scuro con bordo bianco e un filo di perle al collo. Non c'é tempo per l'emozione e il dibattito entra subito nel vivo con il tema scottante delle tasse, dove più volte in passato il centrosinistra è caduto. E qui le distanze vengono subito fuori pur nella sintesi di risposte di un minuto e mezzo: Nichi Vendola propone di adottare una misura simile a quella di Hollande in Francia per la tassazione al 75% dei redditi sopra un milione di euro. "La patrimoniale per chi ha più di un milione di euro va bene ma in Italia sono solo 786" ribatte Matteo Renzi per il quale "l'Italia sta morendo di tasse" e nella lotta all'evasione attacca "Equitalia che ha dato l'impressione di essere forte con i deboli e debole con i forti". Toni e sostanza che lo allontanano tanto da Vendola quanto da Bersani che punta ad abbassare le tasse per i redditi medio-bassi e sul lavoro ma assicura che non farà mai più condoni e rilancia la patrimoniale, come Laura Puppato, sui grandi patrimoni immobiliari. Il segretario Pd, d'accordo con il leader di Sel sulla tracciabilità del contante a 300 euro, va ancora all'attacco dei paradisi fiscali senza però suscitare la difesa dei banchieri, come avvenuto settimane fa, da parte del sindaco di Firenze. Se lo stile è anche sostanza, la mimica dei candidati segnala le differenze o almeno la dimestichezza con la tv. Renzi appare a suo agio, guarda per lo più in camera e cerca di controllare le mani, gli altri fissano soprattutto il conduttore e gesticolano per ribadire le loro posizioni. Ci pensa Sergio Marchionne a mettere tutti d'accordo nella critica alla sua gestione di Fiat così come non piace la riforma Fornero anche se il sindaco di Firenze la critica 'da destra', proponendo la flexsecurity di Pietro Ichino, e Vendola si indigna "stroncandola come uno sfregio alla civiltà del lavoro". Tutti contro Renzi, invece, riguardo al finanziamento pubblico ai partiti. Il sindaco di Firenze vuole l'abolizione di quello pubblico e il finanziamento da parte di privati come in america. "Non sono d'accordo - ribatte Vendola - che il finanziamento vada diminuito, perché ho paura di una politica finanziata solo dai ricchi". E qui Renzi si gioca uno dei tre bonus a disposizione per accusare che in Italia i ricchi (leggi Berlusconi) hanno fatto lo stesso politica "anche perché la sinistra non ha fatto la legge sul conflitto di interessi". E anche Bersani vuole replicare contro il sindaco perché "se in America non è possibile regolare le banche d'affari è perché finanziano la campagna elettorale". Ma un asse insolito si crea tra Vendola e Renzi sulle alleanze. Se Bruno Tabacci appare convinto, come Bersani, della necessità di unire progressisti e moderati, i due sono contrari. "In questa alleanza non ci dovrebbe essere Casini...di casini ne abbiamo fin troppo", è la linea del sindaco di Firenze. E nel Pantheon di Vendola c'é il cardinal Carlo Maria Martini ma non il leader centrista, considerato distante anche da Puppato. E alla fine, tra chi (Renzi) invita a "riprenderci il futuro", chi (Bersani) chiede "un cambiamento forte" e chi (Vendola) chiama al "riscatto dall'Italia berlusconiana", cala il sipario e i 'fantastici 5' si stringono le mani. L'esito della sfida si vedrà ai gazebo il 25 novembre.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook