Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio In mostra Schmiedt un Sironi siciliano
MESSINA

In mostra Schmiedt
un Sironi siciliano

messina, mostra, schmiedt, Sicilia, Archivio, Cultura

 

“Daniele Schmiedt, un artista siciliano nel Novecento” non è una mostra facile: né da organizzare e realizzare, ovviamente, e neppure da visitare. 
Perché nelle oltre 60 opere esposte i “centri” sono più di uno e quindi i possibili percorsi diventano molteplici fino a condurre quasi in un labirinto di sensazioni da cui è difficileuscire. Perché i dipinti di Schmiedt, questo “grande sconosciuto” (dove grande può essere inteso sia come aggettivo sia come sostantivo), ricalcano in modo personale mode e avventure di un secolo internazionale di pittura, all’impressionismo francese al realismo sociale italiano con transiti metafisici, espressionisti e soprattutto di paesaggio urbano,
indicando il percorso frastagliato e curioso, consapevole e indagatore, personale e imitativo, schivo e aperto di un artista messinese di
adozione (era nato a Palermo nel 1888, è morto nella città dello
Stretto nel 1954), che non ha trovato fino a oggi l’attenzione che
merita.
Adesso la mostra, organizzata dall’assessorato regionale al Turismo nell’ambito del Circuito del Mito, curatada Anna MariaRuta e
Gioacchino Barbera e ospitata La mostra (a ingresso libero), ospitata nella Camera di Commercio di Messina fino al 6 gennaio nella SalaBorsadella CameradiCommercio di Messina, riaccende i fari su
Schmiedt e ne ripropone la versatilità di alto livello, non solo in senso stilistico ma anche in senso tecnico, vistoche si è cimentatoin decorazioni (nei palazzi di giustizia di Messina e Vibo Valentia) e in
grandi affreschi (nel Municipio di Messina), è stato autore di quella
che può essere definita un’impre - sa, cioè la decorazione del soffitto
ligneo del Duomo di Messina, ha illustrato libri e riviste, ha tentato
la strada della grafica pubblicitaria.
I particolari nell'articolo di Vincenzo Bonaventura a pagina 16 del nostro giornale

“Daniele Schmiedt, un artista siciliano nel Novecento” non è una mostra facile: né da organizzare e realizzare, ovviamente, e neppure da visitare. 

Perché nelle oltre 60 opere esposte i “centri” sono più di uno e quindi i possibili percorsi diventano molteplici fino a condurre quasi in un labirinto di sensazioni da cui è difficile uscire. Perché i dipinti di Schmiedt, questo “grande sconosciuto” (dove grande può essere inteso sia come aggettivo sia come sostantivo), ricalcano in modo personale mode e avventure di un secolo internazionale di pittura, all’impressionismo francese al realismo sociale italiano con transiti metafisici, espressionisti e soprattutto di paesaggio urbano, indicando il percorso frastagliato e curioso, consapevole e indagatore, personale e imitativo, schivo e aperto di un artista messinese diadozione (era nato a Palermo nel 1888, è morto nella città dello Stretto nel 1954), che non ha trovato fino a oggi l’attenzione chemerita.

Adesso la mostra, organizzata dall’assessorato regionale al Turismo nell’ambito del Circuito del Mito, curata da Anna Maria Ruta e Gioacchino Barbera e ospitata (a ingresso libero) nella Camera di Commercio di Messina fino al 6 gennaio, riaccende i fari suSchmiedt e ne ripropone la versatilità di alto livello, non solo in senso stilistico ma anche in senso tecnico, visto che si è cimentatoin decorazioni (nei palazzi di giustizia di Messina e Vibo Valentia) e ingrandi affreschi (nel Municipio di Messina), è stato autore di quella che può essere definita un’impresa, cioè la decorazione del soffittoligneo del Duomo di Messina, ha illustrato libri e riviste, ha tentato la strada della grafica pubblicitaria.

I particolari nell'articolo di Vincenzo Bonaventura a pagina 16 del nostro giornale

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook