Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Arrestato cappellano di San Vittore per violenza sessuale
MILANO

Arrestato cappellano
di San Vittore per
violenza sessuale

Don Alberto Barin, cappellano del carcere milanese di San Vittore, è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale su sei detenuti e per concussione. 

 

Don Alberto Barin, il cappellano del carcere di San Vittore arrestato oggi, è accusato di aver chiesto e ottenuto favori sessuali da sei detenuti nell'arco di cinque anni, tra il 2008 e lo scorso ottobre, in cambio di piccoli beni di necessità di cui avevano bisogno i detenuti, tra cui sigarette, saponette, shampoo e spazzolini. E' quanto emerge dall'inchiesta coordinata dai pm Daniela Cento e Lucia Minutella e dal procuratore aggiunto Pietro Forno con ordinanza firmata dal Gip Enrico Manzi.

Ci sono anche agli atti dell'inchiesta che ha portato oggi in carcere per concussione e violenza sessuale il cappellano del carcere di San Vittore, don Alberto Barin, dei filmati che hanno registrato gli abusi sessuali che avrebbe commesso il religioso ai danni dei detenuti. Dopo aver ricevuto una denuncia da parte di un detenuto infatti inquirenti e investigatori sono riusciti a piazzare nell'ufficio del cappellano all'interno del carcere una videocamera e grazie a queste hanno documentato le violenze.

Sono sei i detenuti che avrebbero subito abusi sessuali da parte del cappellano del carcere di San Vittore, don Alberto Barin. Sono tutti giovani, di età compresa tra i 22 e 28 anni, e tutti extracomunitari prevalentemente africani, detenuti per reati di 'piccola' criminalità, come furti e rapine, salvo uno che era in carcere per omicidio. Don Alberto Barin, 51 anni, è stato condotto oggi nel carcere di Bollate, mentre le vittime sono state trasferite tutte da San Vittore in altri penitenziari. A far scattare le indagini, condotte dalla polizia penitenziaria di San Vittore e dalla Squadra Mobile, è stata la denuncia di un detenuto che in un primo tempo si era rivolto ai investigatori per raccontare di essere stato violentato da un altro detenuto all'interno del carcere. Nell'ambito di queste dichiarazioni il detenuto aveva poi rivelato agli investigatori anche le violenze e gli abusi subiti da parte del cappellano. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook