Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Clima di scontro a fine legislatura
BAGARRE SULLE FIRME

Clima di scontro
a fine legislatura

La Commissione Bilancio del Senato presieduta dal pidiellino Antonio Azzolini, ha dato "parere non ostativo" allo schema di decreto legislativo su incandidabilità e incompatibilità. Il prossimo Cdm ora potrà varare il provvedimento in maniera definitiva.

SCONTRO ALLA CAMERA SU DECRETO FIRME - E' tensione alle Camera sul decreto sulla raccolta delle firme, approdato in Aula questa mattina senza l'accordo tra i gruppi parlamentari. "O il decreto esta com'é stato varato dal governo o per il Pd può anche decadere", afferma Michele Ventura del Pd che ha espresso questa posizione alla conferenza dei capigruppo. Il Partito democratico non accetta il parere favorevole che nel Comitato dei Nove è stato espresso all'emendamento cosiddetto 'salva La Russa', che esenta dalla raccolta delle firme i gruppi parlamentari che si costituiscano tra il 21 e il 22 dicembre. "Il decreto deve restare quello che é, senza modifiche. Diversamente non ne garantiamo la conversione", puntualizza Ventura.

"Rassegno le dimissioni da relatore": lo annuncia nell'Aula della Camera Gianclaudio Bressa (Pd) dopo il parere favorevole al cosiddetto emendamento 'salva La Russa'.

Intanto il presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, Donato Bruno, chiede un ulteriore rinvio per la ripresa dell'esame in Aula del decreto. Fini accetta ma ribadisce: "sono indisponibile ad accettare ulteriori differimenti. Dalle 15 si inizia a votare".

LA RUSSA: PRESENTATA RICHIESTA GRUPPO A SENATO - "Abbiamo presentato al Senato la richiesta di costituzione di un gruppo parlamentare": lo dice all'ANSA il leader degli ex An, Ignazio La Russa. "Alla Camera non lo abbiamo ancora fatto - aggiunge - solo perché stiamo ancora sondando un nome importante a Montecitorio".

"Al Senato siamo pronti anche all'ostruzionismo per fare saltare il decreto" sulle firme elettorali. Lo afferma Ignazio La Russa, parlando con i cronisti a Montecitorio. "Pensiamo che le firme, a questo punto, le debbano raccogliere tutti, senza dimezzamenti o altro. A noi va bene raccogliere le firme, è anche un modo per fare propaganda e far tornare la politica fra la gente".

Sono 11 i senatori che hanno lasciato il Pdl per dare vita al Senato al nuovo gruppo Centrodestra nazionale di Ignazio la Russa: Alessandra Gallone, che è capogruppo; Achille Totaro vice capogruppo; Pierfrancesco Gamba, tesoriere; Alessio Butti; il presidente della Commissione Giustizia, Filippo Berselli; Antonino Caruso; Mariano Delogu; Fabrizio Di Stefano; Alfredo Mantica; Giuseppe Milone e Antonio Paravia.

FRANCESCHINI, COLPO MANO INACCETTABILE, OSTRUZIONISMO - "L'ultima vergogna. Nell'ultimo giorno di legislatura stiamo assistendo ad un colpo di mano che dovrebbe portare, chi ha dato parere favorevole, a vergognarsi nel guardarsi allo specchio". Lo afferma in una nota Dario Franceschini, presidente deputati Pd sottolineando che "nel comitato dei nove della commissione Affari Costituzionali, Pdl, Lega, Fli e Udc hanno dato parere favorevole ad una norma che dovrebbe andare in aula tra poco che prevede che chi costituisce un gruppo parlamentare entro stasera non raccolga le firme per le prossime elezioni". "Tutto - spiega - per preparare l'operazione interna al Pdl, con la scissione di La Russa. E se entro stasera i gruppi parlamentari che nascono sono più di uno che livello di follia si raggiunge? Abbiamo iscritto a parlare immediatamente tutti i deputati e il nostro relatore ha già rassegnato le dimissioni. Naturalmente - conclude - garantiremo l'approvazione della legge di stabilità ma il decreto taglia firme così emendato non passerà e mi aspetto che i leader dei partiti i cui gruppi hanno dato parere favorevole alla norma dicano se la condividono oppure no".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook