Mercoledì, 29 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio "Silvio mi disse sarò il tuo angioletto"
PROCESSO RUBY

"Silvio mi disse
sarò il tuo angioletto"

processo ruby, Sicilia, Archivio, Cronaca

 

Bonifici per un totale di 810.000 euro in due anni, una macchina Audi e attualmente 2.500 euro al mese da oltre un anno. E' quanto Silvia Trevaini, giornalista di Mediaset, ha ricevuto e riceve tutt'ora da Silvio Berlusconi. Lo ha spiegato la stessa giovane cronista, che dall'azienda riceve uno stipendio "di 2.500-3.000 al mese", testimoniando al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. Al pm che le ha chiesto a che titolo riceva "l'extra stipendio", lei ha spiegato che la sua carriera è stata penalizzata. 
Il primo e ormai 'classico' bonifico da 2.500 al mese da parte di Silvio Berlusconi per le ragazze delle serate di Arcore, Silvia Trevaini se lo è trovato sul conto nel febbraio 2012, senza "che me lo aspettassi". Lo ha raccontato la giovane giornalista di Mediaset testimoniando al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. Quell'assegno mensile, secondo la ragazza, è una sorta di risarcimento. La giovane ha chiarito che anche suo padre ha avuto dopo l'inchiesta "molti controlli fiscali".
"Silvio mi ha detto 'siamo intercettati, non dire soldi di' benzinà". E' il particolare raccontato, testimoniando nel processo cosiddetto 'Ruby 2' dalla modella russa Raissa Skorkina, una delle ragazze che avrebbero preso parte alle serate di Arcore. Il pm, infatti, le aveva contestato una telefonata tra lei e il ragioniere Spinelli in cui la giovane parlava di "benzina". Al pm Sangermano la testimone a un certo punto dell'esame ha detto: "ma lei vede sempre il maligno?".
Quando la modella russa Raissa Skorkina ha conosciuto Silvio Berlusconi lei lavorava con Briatore, "ma Silvio mi ha detto 'smetti di lavorare, non ti devi mettere in mostra, io saro' il tuo angiolettò". Lo ha raccontato la stessa giovane testimoniando al processo milanese sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. "Certo che mi arriva un bonifico da Berlusconi - ha aggiunto la ragazza - è di 3.000 euro al mese, da quando è cominciato il processo". E poi ha precisato: "lo ricevo dal settembre 2012".
Ha testimoniato anche la show-girl Aida Yespica oggi al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. L'ex 'stella del Bagaglino', tra le altre cose, ha raccontato che in una serata ad Arcore dell'aprile 2010 "ho fatto una foto con Ruby nella sala che voi chiamate del Bunga bunga". E ha aggiunto: "me l'ha chiesto lei di fare una foto insieme". L'attrice davanti ai giudici ha descritto come normali e "senza spogliarelli" le cene di Arcore da Berlusconi.

Bonifici per un totale di 810.000 euro in due anni, una macchina Audi e attualmente 2.500 euro al mese da oltre un anno. E' quanto Silvia Trevaini, giornalista di Mediaset, ha ricevuto e riceve tutt'ora da Silvio Berlusconi. Lo ha spiegato la stessa giovane cronista, che dall'azienda riceve uno stipendio "di 2.500-3.000 al mese", testimoniando al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. Al pm che le ha chiesto a che titolo riceva "l'extra stipendio", lei ha spiegato che la sua carriera è stata penalizzata. 

Il primo e ormai 'classico' bonifico da 2.500 al mese da parte di Silvio Berlusconi per le ragazze delle serate di Arcore, Silvia Trevaini se lo è trovato sul conto nel febbraio 2012, senza "che me lo aspettassi". Lo ha raccontato la giovane giornalista di Mediaset testimoniando al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. Quell'assegno mensile, secondo la ragazza, è una sorta di risarcimento. La giovane ha chiarito che anche suo padre ha avuto dopo l'inchiesta "molti controlli fiscali".

"Silvio mi ha detto 'siamo intercettati, non dire soldi di' benzinà". E' il particolare raccontato, testimoniando nel processo cosiddetto 'Ruby 2' dalla modella russa Raissa Skorkina, una delle ragazze che avrebbero preso parte alle serate di Arcore. Il pm, infatti, le aveva contestato una telefonata tra lei e il ragioniere Spinelli in cui la giovane parlava di "benzina". Al pm Sangermano la testimone a un certo punto dell'esame ha detto: "ma lei vede sempre il maligno?".

Quando la modella russa Raissa Skorkina ha conosciuto Silvio Berlusconi lei lavorava con Briatore, "ma Silvio mi ha detto 'smetti di lavorare, non ti devi mettere in mostra, io saro' il tuo angiolettò". Lo ha raccontato la stessa giovane testimoniando al processo milanese sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. "Certo che mi arriva un bonifico da Berlusconi - ha aggiunto la ragazza - è di 3.000 euro al mese, da quando è cominciato il processo". E poi ha precisato: "lo ricevo dal settembre 2012".

Ha testimoniato anche la show-girl Aida Yespica oggi al processo sul caso Ruby a carico di Fede, Mora e Minetti. L'ex 'stella del Bagaglino', tra le altre cose, ha raccontato che in una serata ad Arcore dell'aprile 2010 "ho fatto una foto con Ruby nella sala che voi chiamate del Bunga bunga". E ha aggiunto: "me l'ha chiesto lei di fare una foto insieme". L'attrice davanti ai giudici ha descritto come normali e "senza spogliarelli" le cene di Arcore da Berlusconi. (ANSA)

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook