Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Pil 2013 al ribasso persi 700mila posti
CONFINDUSTRIA

Pil 2013 al ribasso
persi 700mila posti

confindustria, pil, Sicilia, Archivio

Le previsioni di metà anno il centro studi di Confindustria rivedono "nettamente al ribasso" le stime sul Pil, indicando un calo dell'1,9% per il 2013 (da -1,1%). Per il 2014 viale Astronomia lima le stime di crescita, da +0,6% a +0,5%. "La ripresa è attesa nel IV trimestre di quest'anno" e non più in estate, con "un debole recupero".

IN 700 MILA HANNO PERSO LAVORO - Da fine 2007 ai primi mesi 2013 "le persone che hanno perso l'impiego ammontano a 700mila". Numero che salirà a "817mila per la fine del 2014". Il calo del dato statistico delle "unità di lavoro", con Cig e riduzioni orarie, "sfiorava 1,7 mln nel primo trimestre 2013 e sfiorerà 1,8 milioni nel secondo 2014". Così il CsC Confindustria.

FISCO INSOSTENIBILE, RECORD 44,6% PIL - "La pressione fiscale tocca un picco storico nel 2013, 44,6% del Pil, e rimane insostenibilmente elevata nel 2014, specie quella effettiva (53,4% sottratto il sommerso dal denominatore)". Lo stima il Centro studi di Confindustria nel rapporto di giugno sulle previsioni economiche.

LA CRISI HA TOCCATO IL FONDO, SEGNI DI FINE CADUTA  - Abbiamo "toccato il fondo", ma al 6/o anno di crisi, per il CsC Confindustria, ci sono "nell'economia italiana qua e là segni di fine caduta e, più aleatorie, indicazioni di svolta": un "mazzo misto di evidenze sparse" che "lascia solo intravedere l'avvio della risalita" e "non costituisce solide fondamenta per prevederla".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook