Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Dimissioni irrevocabili dei ministri del PdL
GOVERNO

Dimissioni irrevocabili
dei ministri del PdL

La presidenza del Consiglio dei Ministri rende noto che sono pervenute le dimissioni irrevocabili dei ministri Angelino Alfano, Nunzia De Girolamo, Beatrice Lorenzin, Maurizio Lupi, Gaetano Quagliariello.

Il premier Enrico Letta, al ritorno dall'incontro con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha le idee chiare sulla strada da seguire. ''Chiederò mercoledì la fiducia alla Camera e al Senato ma non per governare tre giorni ma per andare avanti con il programma. Non farò il Re Travicello'', è la condizione del presidente del Consiglio che chiarisce che non ha intenzione di governare ''a tutti i costi'' e sa che, per evitare maggioranze 'scilipotiche', ''tutto dipende dal Pdl'' e dallo scontro apertosi dalla dissociazione dei ministri ai diktat di Silvio Berlusconi. Letta, nonostante la delicatezza della situazione, non rinuncia a partecipare, in collegamento da Palazzo Chigi, a 'Che Tempo che fa'. E ospite di Fabio Fazio, il presidente del Consiglio decide di mettere in chiaro la posta in gioco perchè lui resti al suo posto.

 Chiarendo, in linea con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che con il Porcellum ''non si può e non si deve votare'' perchè il rischio molto concreto è ritrovarsi con un esito senza maggioranze nette. Ma, chiarisce il premier, la spada di Damocle della legge elettorale non vuol dire essere condannati ad un governo qualsiasi. ''Se non c'è la fiducia, trarrò le conseguenze. Io voglio la fiducia per continuare come prima e andare avanti a realizzare riforme per il paese'', sostiene il capo del Governo che, per rispetto del Parlamento, inserisce solo la legge di stabilità tra i punti del discorso programmatico che farà alle Camere per chiedere la fiducia. E chiarisce che per riforma della giustizia non si può pensare che ''voglia dire parlare di Berlusconi''. Il premier, convinto della necessità della verifica ''perchè il Pdl aveva minato la democrazia'' con la minaccia delle dimissioni di massa, non si sbilancia però sull'esito. Nè sullo sbocco del duro confronto dentro il Pdl. ''Onestamente ho perso il filo da un po' di giorni delle delle posizioni del Pdl. Ma i ministri hanno posto delle valutazioni e c'è un dibattito'', si limita Letta, ammettendo, però, che ''tutto'', l'esito della verifica in Parlamento e i numeri per andare avanti, dipende dallo sbocco del confronto tra i berlusconiani. Ma, osserva, ''a quel che dicono i sondaggi, la stragrande maggioranza degli elettori" del Pdl vuole "che continui l'esperienza del governo". In diretta Sandro Bondi lo accusa di ''fomentare le divisioni del Pdl''. E il premier fa, ancora una volta, professione di calma: ''A Berlusconi auguro serenità perchè quello che manca in questo momento è la serenità''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook