Sabato, 10 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio L'infanzia in Italia nella tenaglia della povertà
SAVE THE CHILDREN

L'infanzia in Italia
nella tenaglia della povertà

save the children, Sicilia, Archivio, Cronaca

Una tenaglia di povertà e deprivazione che giorno dopo giorno stringe ai fianchi sempre più bambini e adolescenti, costringendoli a vivere un presente con pochissimo "ossigeno": cibo al discount, pochi o nessun libro, scuola solo la mattina senza neanche un’ora in più per attività di svago e socializzazione, e poi a casa, in uno spazio piccolo e soffocante, nient’altro da fare nel tempo libero perché non ci sono soldi e gli aiuti che arrivano dai servizi sociali se ci sono, sono pochi, perché il Comune è in default. E la crisi impatta su salute e speranza di vita (VAI)

È il contrario di ciò che dovrebbe essere l’infanzia e di come dovrebbe essere il nostro paese per le sue giovani generazioni quanto emerge ne 'L’Italia SottoSopra', il 4° Atlante dell’Infanzia (a rischio) in Italia di Save the Children (VAI all'Atlante), diffuso stamattina alla presenza, tra gli altri, del Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Enrico Giovannini, dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Vincenzo Spadafora, del Dirigente nel Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d’Italia Paolo Sestito, del Direttore Dipartimento Statistiche Sociali ed Ambientali ISTAT Linda Laura Sabbadini (diretta twitter #ItaliaSottosopra).

Un milione di bambini povertà assoluta, boom anche Nord (VAI alle mappe) - Dal 2007 al 2012 i minori in povertà assoluta, che non possono permettersi molti beni essenziali, sono più che raddoppiati, passando da meno di 500 mila a più di un milione. Solo nel 2012, il loro numero è cresciuto del 30% rispetto all'anno precedente, con un vero e proprio boom al Nord (+ 166 mila minori, per un incremento del 43% rispetto al 2011) e al Centro (+41%). Il Sud già fortemente impoverito ha conosciuto un aumento statisticamente più contenuto (+20%), ma ha raggiunto la quota "stratosferica" di mezzo milione di minori nella trappola della povertà. E' quanto emerge dall'Atlante dell'infanzia a rischio di Save the Children dal titolo "l'Italia SottoSopra", presentato oggi a Roma. E' in condizione di povertà assoluta - spiega l'ong - una coppia con bambino fino a tre anni se può spendere mensilmente una quota pari o inferiore a 1.252 euro, e risieda in un'area metropolitana del Nord, 880 euro se risiede in un piccolo comune del Sud. Allo stesso modo è povera in senso assoluto una coppia con due figli adolescenti con una spesa mensile di 1.312 euro in una metropoli del Sud e di 1.455 euro in un piccolo comune del Centro. "Oltre un milione di minori sono in povertà assoluta, in contesti segnati da disagio abitativo, alti livelli di dispersione scolastica, disoccupazione giovanile alle stelle", sottolinea Valerio Neri, Direttore Generale Save the Children Italia: "Un numero così grande e crescente di minori in situazione di estremo disagio, ci dice una cosa semplice: la febbre è troppo alta e persistente e i palliativi non bastano più, serve una cura forte e strutturata".un milione di bambini povertà assoluta,boom anche Nord

Al Sud famiglie tagliano anche cibo - Negli ultimi cinque anni gli italiani hanno tagliato le spese di 138 euro: tra il 2017 e il 2012 le famiglie con almeno un bambino hanno ridotto del 4,6% il proprio bilancio. La tendenza si aggrava se nel 2012 due famiglie su tre con con figli - ovvero ben 4 milioni 400 mila nuclei familiari - hanno ridotto la qualità/quantità della spesa per almeno un genere alimentare. Se il budget per l'alimentazione nel complesso ha avuto una riduzione modesta a livello nazionale, di circa 3 euro, al Sud invece la spesa media alimentare è scesa del 5,8%. Il dato, con fonte Istat, emerge dall'Atlante dell'infanzia a rischio di Save the Children, che quest'anno l'emblematico titolo l'Italia SottoSopra. Le famiglie disagiate - rimarca l'ong - possono destinare in media 11 euro al mese ai libri e alla scuola (venti volte meno di quello che spendono le famiglie più ricche); 23 euro al mese è la cifra destinata al tempo libero, alla cultura e ai giochi, a fronte dei 360 euro delle famiglie più abbienti. Il report racconta un paese "ribaltato" tra disoccupazione, calo dei consumi, default del welfare e denatalità, "diseguale" nella saluta e nelle possibilità educative. Nell'Italia delle emergenze e dei disagi abitativi, l'incertezza va di pari passo con la precarietà di molte sistemazioni, 1 milione e 344 mila tra bambini e ragazzi, il 12% della popolazione di riferimento, vive in situazioni di particolare disagio - sovraffollamento, alloggi privi di alcuni servizi e con problemi strutturali - con un incremento del 25% rispetto al 2007. Questo anche perchè l'Italia occupa le ultime posizioni della classifica europea in quanto a presenza di case popolari e alloggi sociali: se in paesi come la Svezia, l'Olanda e Belgio superano il 30%, da noi gli alloggi sociali (o appartenenti a cooperative) in affitto sono il 5,3% del costruito. Peggio fanno il Portogallo (3%) e la Grecia (0%), paesi più esposti alla crisi proprio perché privi di sistemi di protezione sociale. La Germania pure ha una quota modesta di alloggi sociali, all'incirca il 5%, ma - osserva Save the Children - può contare su un calmiere dei prezzi: sopra determinati parametri scatta il reato di "affitto usuraio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook