Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Muore carbonizzato atroce fine di un disabile
TRAGEDIA

Muore carbonizzato
atroce fine di
un disabile

fabrizio garavello, Sicilia, Archivio, Cronaca
E' morto avvolto dalle fiamme nella sedia a rotelle che ormai era costretto ad usare da 8 anni, a causa della distrofia muscolare, un 48enne padovano, Fabrizio Garavello. L'uomo ha trovato questa fine orribile nella sua casa di Granze, paesotto a circa 10 chilometri da Este (Padova).
La ricostruzione della tragedia è tuttora al vaglio dei carabinieri, ma la dinamica appare piuttosto chiara. Garavello stava fumando una sigaretta, vicino alla finestra della cucina, nella villetta dove viveva con un fratello, di 60 anni, in quel momento fuori casa. Un pezzo di brace è probabilmente caduto sulla tuta che l'uomo indossava, bruciando subito i vestiti ed estendendosi alla tenda della finestra. L'uomo è stato avvolto in pochi secondi dalle fiamme. Il fratello, rientrando in casa, ha visto il congiunto sulla carrozzina ormai preda del fuoco. Ha provato a soccorrerlo, trascinando fuori la sedia a rotelle, ma è stato tutto inutile. I medici del Suem 118, giunti dall'ospedale di Este, non hanno potuto che costatarne il decesso. Garavello è morto carbonizzato.
Con i sanitari del Suem sono arrivati alla casa, una villetta, anche le squadre dei vigili del fuoco, sempre da Este, e i carabinieri della stazione di Vescovana.
Fabrizio Garavello era disabile da circa 8 anni, per una grave malattia degenerativa dei muscoli che lo aveva costretto sulla carrozzina.
Pochi giorni fa, lunedì 30 dicembre, c'era stata un'altra disgrazia del fuoco in Veneto.
Un sessantenne di Asolo, Ottavio Ottavio Soligo, era morto soffocato dalle esalazioni di un incendio scoppiato nella cucina della sua casa, ed estesosi alle camera da letto al piano superiore dove l'uomo stava riposando.
Un altro episodio analogo è avvenuto invece a Roma proprio nella notte di Capodanno: un disabile di 65 anni è morto soffocato all'interno del suo appartamento per il fumo di un incendio causato da un corto circuito. Inizialmente si era pensato ad un incidente legato ai botti di fine anno, ma i vigili del fuoco hanno accertato che a provocare le fiamme era stato un ferro da stiro rimasto acceso. La badante che viveva con lui è riuscita a mettersi in salvo. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook