Mercoledì, 17 Ottobre 2018
CONDIZIONI STABILI

Schumi, il futuro
resta incerto

schumacher, Sicilia, Archivio, Sport

Le condizioni di Michael Schumacher sono stabili. Lo ha reso noto, in un incontro con i giornalisti, Sabine Kehm, la portavoce del sette volte campione del mondo di Formula 1 gravemente ferito in un incidente sugli sci. "Ha passato una notte tranquilla - si è limitata a dire - non ci sono stati peggioramenti. Schumacher è stato monitorato tutta la notte e il fatto che la pressione intracranica non sia aumentata è positivo. Le sue condizioni restano però critiche e sul futuro - ha aggiunto - non ci si può ancora sbilanciare".

Ieri c'era stato un nuovo intervento chirurgico e lievi miglioramenti per Michael Schumacher (profilo).

"Il nuovo intervento - aveva spiegato Jean Francois Payen, primario di rianimazione - è stato possibile a seguito di un miglioramento cerebrale transitorio registrato ieri pomeriggio, e che ci ha 'sorpreso', ovvero una diminuzione della pressione intracranica, che ha permesso di effettuare una risonanza magnetica senza rischi. E' stata una decisione presa collegialmente. L'intervento è andato bene, ha avuto un esito soddisfacente". "Ora - ha aggiunto - abbiamo qualche segno che la situazione clinica del paziente è migliorata rispetto a ieri".

L'equipe chirurgica ha anche piazzato nella testa del paziente un dispositivo che consente di diminuire la pressione intracranica. Michael Schumacher resta ricoverato "in elevata intensità terapeutica di rianimazione". Già domenica scorsa gli era stata rimossa una parte di calotta cranica proprio per ridurre la pressione. E' sorvegliato a vista e monitorato costantemente. Il paziente resta comunque "in pericolo di vita", hanno specificato i medici, proprio perché "le situazioni in rianimazione si evolvono molto".

Nella caduta Schumacher ha riportato più ematomi, extradurali e subdurali. Alcuni sono stati tolti e altri sono controllati in quanto non accessibili. Al suo fianco ci sono la moglie Corinna, i figli e il fratello, che ieri hanno avallato la proposta dei medici di un nuovo intervento chirurgico. Riguardo al futuro, i sanitari tagliano corto: "E' prematuro dare informazioni su cosa accadrà nel futuro". Rincara Gerard Saillant, neurochirurgo che già nel 1999 operò il pilota dopo l'incidente di Silverstone: "E' impossibile fare previsioni, è stupido anche solo parlarne. Non si può dire altro che quello che è successo e quello che succede, non quello che succederà".

Sull'incidente Sabine Kehm ha precisato: "Non è vero che andava a tutta velocità, l'incidente è stato figlio di una catena di circostanze negative". "Mentre sciava in neve fresca, tra due piste facili - ha proseguito - in una curva ha messo lo sci su una pietra ed è stato sbalzato in avanti, finendo contro una roccia". (L'attesa per Schumi Foto)

Lauda, prego Dio ma non si mette bene – In una prima reazione pubblica all’incidente di Michael Schumacher, Niki Lauda (64 anni), l’ex pilota austriaco tre volte campione di Formula 1, e sopravvissuto per miracolo nel 1976 a un gravissimo incidente sul Nuerburgring, si e’ detto molto colpito dalla sorte di Schumi. "Prego Dio che finisca tutto bene ma purtroppo al momento non sembra cosi'", ha dichiarato stasera Lauda a una trasmissione sportiva della tv austriaca Orf. Schumacher ha riportato gravi ferite alla testa nell’ incidente in cui e’ rimasto coinvolto mentre sciava a oltre 2.700 metri ieri mattina a Meribel, Francia. 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X