Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio La grande bellezza candidato all'Oscar
IL FILM DI SORRENTINO

La grande bellezza
candidato all'Oscar

Una partita alla volta si vince il campionato. Ora la prossima è la finale. La Grande bellezza di Paolo Sorrentino è nella cinquina dei candidati all'Oscar per il miglior film straniero. Era stato proprio il regista, tifoso del Napoli, dopo la vittoria dei Golden Globes, a fare il paragone sportivo. "Come dice il mio grande allenatore Benitez, giochiamo una partita alla volta". Con l'annuncio delle candidature, è arrivata l'ufficialità: siamo in finale. 

L'ultima candidatura italiana come miglior film straniero è del 2006 con La bestia nel cuore di Cristina Comencini. L'ultima statuetta nel '99 con La vita è bella, che ottenne anche il premio come migliore attore, Roberto Benigni e quello a Nicola Piovani per la colonna sonora. Il film di Sorrentino dovrà vedersela con il belga Alabama Monroe - Una storia d'amore; Il Sospetto, film danese di Thomas Vinterberg; il documentario cambogiano sulle atrocità dei Khmer rossi The Missing Picture e il palestinese Omar. L'avversario più forte è Il Sospetto, che racconta di un insegnante d'asilo (Mads Mikkelsen) la cui vita è stravolta da una accusa di molestie sessuali a minori. La strada, anzi la partita di Sorrentino verso l'Oscar continua ma lui non ci vuole ancora pensare: "Sono frastornato, non ho ancora ben capito cosa stia accadendo, ma ne sono felice. E' una cosa molto lontana da me. Da ragazzino non avevo il tempo di sognare certe cose, ho vissuto periodi molto complicati e cercavo solo di sopravvivere, ma questo è un sogno per chiunque faccia cinema e ora lo sto vivendo anche io''. 

A caldo, in un'intervista all'ANSA, ammette: "Ci speravo, ci contavo, ma qui non si puo' mai dare niente di scontato''. La dedica per la candidatura ottenuta è speciale: ''Voglio ringraziare tutti coloro che hanno lavorato al film, tutti, dal primo all'ultimo. E' stato un film difficile, duro e faticoso, girato quasi tutto in notturna, con temperature pazzesche. Voglio ringraziare tutti loro, senza cui non ci sarebbe stato questo film. Questo risultato e' merito di tutti, dagli attori agli elettricisti, nessuno escluso''. 

Poi ci ripensa: ''Anzi, una dedica speciale ce l'ho, ed è per i tantissimi colleghi che mi hanno scritto, condividendo la mia gioia. E' una cosa molto rara, e per questo li voglio davvero ringraziare con tutto me stesso". Rispetto agli altri candidati stranieri, il film italiano sembra avere un vantaggio: pur facendo riflettere racconta dei suoi protagonisti in modo ironico e pungente; e l'ironia, una certa leggerezza, una visione onirica dell'arte di fare cinema, sono elementi che piacciono agli americani, che hanno amato Fellini e che paragonano questo film ai capolavori del grande maestro emiliano.

 Ma Sorrentino specifica: "La grande bellezza è piaciuto non solo in America ma in tutte le parti del mondo, è andato bene in Italia dove è partito, e poi in tutti i paesi dove è arrivato, in Olanda, in Gran Bretagna. Piace perché parla di esseri umani. Parla di gioie e di dolori che appartengono a tutti". E' dunque il riscatto del cinema italiano? Il regista sorride lusingato: "Se ho contribuito ne sono felice ma non è un solo titolo che fa il riscatto del cinema italiano. Deve essere il risultato di più film e questo mi sembra che stia avvenendo. C'è ad esempio Il capitale umano di Paolo Virzì, che ho già visto e che è bellissimo, che sta avendo un grande successo.

 Dopo Virzì verranno altri. Spero davvero che il cinema italiano la smetta di piangersi addosso e di flagellarsi come se fosse una specie di personcina malata, ma questa è una patente che certi disfattisti influenti vogliono a tutti i costi imporci". Questa sera (la notte in Italia) il regista partenopeo parteciperà ai Critics Choice Awards a Santa Monica ed è già dato fra i favoriti. Poi tornerà in Italia, in attesa del 2 marzo, quando farà ritorno a Hollywood, insieme al protagonista Toni Servillo, per giocare l'ultima partita, la finale. L'Italia vincerà? La scaramanzia impone il silenzio ma una cosa è certa: Jep Gambardella, il re dei mondani, colui che non solo voleva partecipare alle feste ma voleva avere anche il potere di farle fallire questa volta, questa festa, vorrà farla trionfare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook