Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio De Girolamo lascia Letta assume l'interim
GOVERNO

De Girolamo lascia
Letta assume l'interim

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta - si legge in una nota - ha accettato le dimissioni presentate dal ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo, e ha assunto l'interim del dicastero. Letta ha inoltre convocato per questo pomeriggio a Palazzo Chigi i sottosegretari alle Politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina e Giuseppe Castiglione.

Nunzia de Girolamo ''mi ha chiamato per avvertirmi. Le ho detto che non condividevo le sue dimissioni e ho provato, invano, a trattenerla. Ma ha la testa dura, ha insistito ad andare avanti''. A dirlo il vicepremier Angelino Alfano in un'intervista a Repubblica. ''Nunzia in Parlamento si è difesa bene, ha usato parole chiare. Io le ero seduto accanto e lo rifarei'', dichiara Alfano. Il rapporto tra De Girolamo ed Enrico Letta, prosegue, ''è sempre stato molto solido e amichevole. Evidentemente si aspettava un'attestazione più calorosa da parte del premier''. Sulla legge elettorale, ''Renzi ha detto che è Berlusconi a non volere le preferenze, Grillo le vuole, tutti gli altri pure. Se questo è vero, significa che l'intesa è bloccata solo da Forza Italia. Ma non credo sia utile per loro assumersi la responsabilità storica di mantenere in vita la parte più odiosa e criticata del Porcellum, le liste bloccate'', afferma il leader di Ncd, che sottolinea: ''Non cerco accordi con la minoranza del Pd per sfruttare il voto segreto. Parlo a viso aperto e spero in un'intesa in 24 ore''. In merito a un'alleanza tra Ncd e Forza Italia in caso di elezioni anticipate, ''il centrodestra vince solo se è una coalizione, perché se lo scontro elettorale fosse tra Pd e Forza Italia, Renzi resterebbe avanti di dieci irrecuperabili punti'', dice Alfano. ''Noi speriamo di poter costruire il 'nuovo' centrodestra e non vorremmo essere costretti a costruire un 'altro' centrodestra''.

Schifani, non torna in Fi, resterà con noi
- "Il Ncd ha difeso in maniera chiara, trasparente e convinta l'amica e collega De Girolamo". Lo dice Renato Schifani, presidente del Comitato promotore del NCD, intervenendo a "Prima di tutto", Radio 1. "L'abbiamo sostenuta - aggiunge - perché abbiamo lamentato la procedura inaccettabile di rubare affermazioni in libertà che possono essere rese all'interno della propria intimità domestica e quindi sono conversazioni private che non hanno valenza giuridica, direi quindi un atto di barbarie. Siamo stati accanto a Nunzia senza se e senza ma sia in pubblico che in privato. L'aggressione mediatica e anche politica che ha subito è un fatto inaccettabile che ci ha molto amareggiato, ma abbiamo fatto squadra. Escludo ipotesi che possa concretizzarsi un suo ritorno in FI perché darebbe la sensazione di tornare nel partito solo perché è stata costretta a lasciare il ministero. Nunzia De Girolamo non ha mai dato e non darà mai, conoscendola, la sensazione di essere attaccata alla poltrona, Ha creduto nel progetto del NCD e resterà con noi. "

"Prendiamo atto delle dimissioni del ministro De Girolamo, a seguito delle vicende su cui il Pd l'aveva incalzata in Aula. Ora più che mai il Pd è impegnato a portare a casa un percorso di riforme, legge elettorale, Titolo V, Senato gratis per il Paese e i suoi cittadini". Così Lorenzo Guerini, portavoce della segreteria del Pd.

La decisione del ministro De Girolamo di dimettersi "mi ha sorpreso, non ne avevo avuto sentore". Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino a Radio24. Rispondendo poi ad una domanda su un possibile rimpasto, ha aggiunto: "di rimpasto, anche da lontano e occupandomi di altro, ne ho letto sui giornali negli ultimi giorni".
"È una decisione del premier Letta, ho registrato le dimissioni ma non commento". Così il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge.

Renzi, è un problema di Letta
- Se le Camere votano la legge elettorale ''hanno l'opportunità di riscattarsi dalla brutta pagina dell'elezione del presidente della Repubblica'', avviano una ''stagione costituente'' e si può arrivare con la legislatura ''perfino al 2018''. Se invece affossano la riforma, sfruttando il voto segreto, ''andiamo subito a votare con la legge proporzionale'' che ci ha lasciato la Consulta, perché sarebbe la conferma che il Parlamento è ''inaffidabile''. Così il segretario del Pd Matteo Renzi in un'intervista al Messaggero. Margini per cambiare qualcosa della legge elettorale ''ci sono sempre se c'è l'accordo dei contraenti. Per esempio sarebbe intelligente alzare la soglia minima di raggiungimento del premio portandolo dal 35 al 38%. Ne stiamo parlando già da qualche giorno con FI e Ncd e consentirebbe di ridurre l'entità del premio di maggioranza al 15%'', dice Renzi. ''Ogni legge è migliorabile, ma contesto il metodo di coloro che parlano di preferenze per portare a casa altro''. Renzi critica l'appello, pubblicato ieri sul Manifesto, di 29 costituzionalisti, i quali ''sostengono che la proposta di riforma va bene a patto che si levi il premio di maggioranza, si introducano le preferenze e si tolga lo sbarramento. In Italia questa legge c'è già stata ed è quella della prima Repubblica. Ci farebbe tornare al pentapartito''. La legge elettorale, prosegue il sindaco di Firenze, ''è solo il primo passo per un grande cambiamento. Ci sono le riforme istituzionali e le riforme del welfare e del lavoro. Approvare una legge così, anche a livello di credibilità internazionale, vale più di una finanziaria''. Renzi rileva quindi la presenza, nel Pd, di ''una parte che dice 'siccome piace a Berlusconi, questa riforma non si deve fare'. E' un atteggiamento che denota una sudditanza culturale e psicologica''. Quanto all'accusa mossa da Vendola di aver riportato in auge il Cavaliere, ''Berlusconi c'è e ci sarà finché milioni di italiani lo voteranno. A Vendola chiedo invece di sapere se vuol stare con noi o no''. Su Alfano, ''lui con Berlusconi c'è stato benissimo per vent'anni e ci sta ora in tutte le campagne amministrative delle prossime settimane. Se vuole sganciarsi da Berlusconi abbia il coraggio di dirlo''. In merito a cosa succederà nel governo dopo le dimissioni di Nunzia De Girolamo, ''non so. Io mi occupo di riforme, di lavoro, di tagli ai costi della politica. Il governo e i ministri - osserva Renzi - sono un problema di Letta''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook