Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Allarme dall'Europa dopo il voto in Svizzera
REFERENDUM

Allarme dall'Europa
dopo il voto in Svizzera

Il risultato del referendum in Svizzera solleva ''notevoli problemi'' secondo Berlino. ''Il governo tedesco rispetta l'esito del referendum - ha detto oggi il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert - ma dal nostro punto di vista solleva problemi notevoli''.

A questo punto "si dovranno tirare le conseguenze politiche e giuridiche" con l'Ue, ha detto Seibert. "Nostro interesse - ha sottolineato il portavoce - deve anche essere mantenere il rapporto fra Ue e Svizzera più stretto possibile".

"L'impatto" del referendum svizzero sulla libertà di circolazione "si sta valutando, anche in termini quantitativi" ma "è molto preoccupante sia per quanto riguarda l'Italia, ma anche per gli altri accordi con la Ue", tra cui quelli fiscali. Lo ha detto il ministro degli esteri Emma Bonino. La questione sara' discussa oggi dal Consiglio Ue.

Frontalieri preoccupati dopo referendum  - C'è preoccupazione nel Verbano-Cusio-Ossola, da dove ogni giorno 5 mila italiani varcano il confine per recarsi al lavoro in Svizzera, nei cantoni del Ticino e del vallese. ''E' un referendum che ci penalizza ma che l'Unione Europea ritiene illegale visto che la Svizzera ha firmato con l'Europa accordi sul libero scambio. Il problema è che in Svizzera per screditarci, accomunano i frontalieri ai clandestini''. Così Antonio Locatelli, presidente dei frontalieri del Vco. Non piace l'esito del referendum che ha visto gli svizzeri votare per una riduzione degli stranieri che lavorano oltre confine. ''I primi segnali che ci preoccupano - aggiunge Locatelli - sono gli annunci per le richieste di lavoro, sui quali già vengono inserite preferenze per chi parla le lingue nazionali o per chi è domiciliato oltre confine''.

 

Gli svizzeri hanno approvato un referendum ''contro l'immigrazione di massa'': i sì hanno raggiunto il 50,3%. Lo ha riferito l'agenzia di stampa svizzera Ats.

 

La Commissione europea ''si rammarica del fatto che un'iniziativa per l'introduzione di limiti quantitativi all'immigrazione sia stata approvata. Questo va contro il principio della libera circolazione delle persone tra l'Ue e la Svizzera". Così la Commissione Ue commenta l'esito del referendum svizzero che limita l'immigrazione di massa.

I risultati definitivi sono giunti al termine di un testa a testa che ha tenuto con il fiato sospeso il Paese per tutto il pomeriggio. L'iniziativa, promossa dal partito di destra ed antieuropeista dell'Unione democratica di centro (Udc/Svp) chiede la reintroduzione di tetti massimi e contingenti per l'immigrazione di stranieri. Ponendo in pericolo gli accordi di libera circolazione con l'Unione europea, la maggior parte dei quali dovranno verosimilmente essere rinegoziati. Secondo i dati definitivi, l'iniziativa l'ha spuntata con sole 19.516 schede, ottenendo 1.463.954 voti favorevoli, contro 1.444.438 voti contrari. A schierarsi a favore un totale di 17 cantoni, tra cui il Ticino con la più alta percentuale di Sì (68,17%). Nove i cantoni contrari.

 

L'esito era già previsto sul filo del rasoio per il referendum "Contro l'immigrazione di massa". Globalmente, la Svizzera francofona ha tendenzialmente votato contro l'iniziativa, mentre in Ticino e nei Cantoni di lingua tedesca la maggioranza ha votato a favore.

Schulz, populisti sfrutteranno no a immigrazione - Un sì alla quote sugli immigrati comunitari in Svizzera ''rischia di essere sfruttato'' dai populisti in vista delle elezioni europee di fine maggio. Lo teme il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che lo ha detto in una intervista pubblicata oggi dal domenicale svizzero NZZ am Sonntag, citata dal Financial Times online. ''Temo che un sì in Svizzera possa scatenare un nuovo dibattito sulla libera circolazione delle persone in seno alla Ue'', aggiunge il candidato alla presidenza della Commissione europea. L'Ft ricorda ricorda che un eurodeputato conservatore britannico, David Campbell Bannermann, ha chiesto la definizione di quorte da ogni singolo paese comunitario se la Gran Bretagna deciderà di lasciare l'Unione nel 2017.

Bocciato testo su finanziamento privato aborto  - E' stato ufficialmente bocciato dagli svizzeri il referendum sull'aborto: l'iniziativa, che chiedeva che l'interruzione di gravidanza e l'embrio-riduzione non siano piu' coperte dall'assicurazione obbligatoria di base, è stata bocciata da una maggioranza dei cantoni. Secondo le proiezioni almeno il 70% dei votanti ha respinto il testo. Il governo svizzero e la maggioranza del parlamento avevano raccomandato di respingere l'iniziativa. Intitolata "Il finanziamento dell'aborto è una questione privata" era stata promossa da un comitato interpartitico, composto essenzialmente di cristiani conservatori.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook