Giovedì, 09 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Formula magica per... sfrattare gli imprenditori!
L'ANALISI

Formula magica per...
sfrattare gli imprenditori!

di Lino Morgante
debito pubblico, imprenditori, ratings, Sicilia, Archivio

 

L’Azienda Italia, nonostante il debito pubblico abbia superato i 2mila miliardi di euro, quanto vale?  E con quali criteri bisogna valutare la sua solvibilità, dunque il valore dei Titoli di Stato? Certo la finanza creativa, purtroppo, è ancora di gran moda ma la Corte dei conti, chiamando sul banco degli imputati Standard & Poor’s, Fitch e Moody’s, è  andata oltre. Con tanto di  richiesta di risarcimento danni.

Qual è il ragionamento? Le tre agenzie di valutazione, che orientano i mercati finanziari, tra il 2011 e il 2012 hanno declassato Btp, Bot e Cct quasi a livello di “spazzatura”, con effetti negativi  sui tassi d’interesse  sul debito sovrano e “corporate”.  Nel fare le “stime”, ecco la contestazione,  non avrebbero tenuto conto della ricchezza immateriale dell’Italia, quella generata dal patrimonio ambientale, artistico e culturale. Ma come calcolare un  bene “impalpabile”, non riconducibile a nessuna dimensione neanche economica?

Come sempre noi italiani non  riusciamo a fare a meno di tutto ciò che regala visibilità, parlando  di tutto e  realizzando poco o niente. Le società  in questione non sono il massimo di obiettività e affidabilità, cantonate ne hanno prese, eccome, ma accusarle di non avere “contabilizzato” la ricchezza immateriale, che vantiamo per... diritto di nascita, fa sorridere.

Siamo studenti svogliati e saremo sempre bocciati perché non intendiamo fare i compiti per casa. Meglio ricordarlo,  piuttosto che cercare  giustificazioni, quando qualcuno ci tira le orecchie. Ecco cosa c’è scritto nel diario dell’Italia: l’enorme debito pubblico non scende di un centesimo, la produzione industriale decresce da anni (- 3% solo nel 2013),  l’overdose di tasse  distrugge famiglie e imprese, la spesa pubblica è ipertrofica e improduttiva,  la politica e la burocrazia non sono all’altezza di un Paese civile, gli evasori fiscali non finiscono  in galera, la Giustizia è una lumaca e, qualche volta, arruffona.

C’è tanto altro, dunque, che dovrebbe essere portato all’attenzione dei tribunali e, in qualche caso, di un buon neuropsichiatra.

Perché? L’ultimo studio dell’Università Bocconi  e di Prometeia evidenzia che il 52% di pressione fiscale sulle imprese  (tra le più alte dell’Occidente industrializzato) è solo la risultante della media tra il 30% pagato da chi produce in gran parte all’estero e l’80% circa che sborsa chi fa lavorare gli italiani. Tutto effetto di Irap (cosa ve ne pare, si paga in base al numero dei dipendenti) e Imu sugli immobili d’impresa. Cosa ci vuole di più per sfrattare gli imprenditori e moltiplicare i disoccupati? Roba da pazzi!

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook