Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Catena web: giustizia per la giraffa Marius
COPENAGHEN

Catena web: giustizia
per la giraffa Marius

giraffa marius, zoo di copenaghen, Sicilia, Archivio

''Vi scriviamo con ancora negli occhi le immagini di Marius, morto a causa della vostra superficialità e crudeltà. A un paese civile (come voi definite il vostro) certe immagini non possono e non dovrebbero appartenere'': è questo l'inizio della mail che copiata e rinviata dal proprio indirizzo viaggia da qualche giorno verso la casella postale dello zoo di Copenaghen dove la giraffa 'Marius' è stata condannata all'abbattimento dai veterinari (nonostante fosse in piena salute) perchè nata dall'unione tra due esemplari troppo 'parenti'.

 La mail, inviata per conoscenza anche alle autorità danesi ed europee, torna anche sul fatto che l'animale sia stato ucciso, squartato in diretta e la sua carne distribuita ai carnivori dello zoo: ''Diversi zoo europei vi hanno chiesto di accogliere Marius e, quindi, di salvargli la vita. Come mai non avete accettato, forse per pubblicità al vostro zoo? Per sadismo, indifferenza? Come dicevano i latini 'mors tua vita mea', e la morte di Marius diventa un colpo di vita per il vostro zoo (forse non avevate troppi visitatori, forse i bambini preferiscono vedere gli animali nei video su Youtube invece che vederli da voi?)''. 

E ancora: ''con questa nostra lettera chiediamo che il vostro zoo chiuda, auspicio che abbiamo per tutti i luoghi di detenzione e prigionia per animali innocenti - siano essi zoo, delfinari, circhi - e che il direttore sia rimosso dal suo incarico''. Chi partecipa alla catena sottoscrive anche l'ultimo passaggio: ''Porteremo avanti questa battaglia, perché la morte di Marius non sia stata vana, perché non ci siano più Marius, né da voi né in altri luoghi come il vostro. Si tratta di una lettera aperta, che verrà inviata per conoscenza alle istituzioni, alla stampa, e a tutte quelle persone che ancora possiedono una coscienza, e che si indignano davanti a un simile orrore''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook