Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ostetricia, poliziotti intervengono in corsia
MILAZZO

Ostetricia, poliziotti
intervengono in corsia

  Poliziotti ieri mattina nel reparto di Ostetricia dell’ospedale di Milazzo. A far scattare l’intervento degli agenti sarebbe stata – gli inquirenti al riguardo hanno deciso di mantenere il massimo riserbo – la segnalazione di una paziente che avrebbe lamentato l’assenza di infermieri nel reparto e quindi problemi nel ricevere assistenza. In tutti i casi –e l’Asp lo chiarisce – non si sarebbero registrati inconvenienti sulla salute di nessun genere per i pazienti ricoverati o che era in attesa di ricevere prestazioni sanitarie. I poliziotti hanno chiesto informazioni al responsabile del reparto e acquisito anche documenti circa la pianificazione del personale in servizio nel turno in questione. Nessun altro provvedimento sarebbe stato adottato anche se ovviamente la presenza delle forze dell’ordine ha determinato l’intervento anche della direzione aziendale che appreso quanto accaduto ha immediatamente attivato una ispezione inviando da Messina il direttore sanitario aziendale, dottor Santo Conti. In serata il manager Giovanni Migliore ha poi chiarito i termini della questione preannunciando comunque un intervento nell’assetto organizzativo. «In relazione alla segnalazione di presunti disservizi presso il Punto nascite dell’ospedale di Milazzo – scrive il manager dell’Asp 5 – si ritiene in primo luogo utile precisare che non si è verificato alcun evento avverso. Durante il turno notturno sono infatti venuti alla luce due neonati sani. Questi ultimi e le rispettive madri godono di piena salute. La direzione aziendale ha immediatamente attivato una verifica ispettiva, condotta personalmente dal direttore sanitario aziendale, dott. Santo Conti. La disamina preliminare delle informazioni acquisite suggerisce comunque, in via precauzionale, la rivisitazione dell’assetto gestionale e organizzativo del reparto, onde perseguire con maggiore efficacia la sicurezza del percorso nascita, nell’interesse esclusivo della madre e del nascituro».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook