Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Renzi per i soldi in busta paga pronto anche al decreto legge
GOVERNO

Renzi per i soldi in busta paga pronto anche al decreto legge

renzi soldi in busta, Sicilia, Archivio, Cronaca

''Mi sono impegnato a mettere entro il primo maggio dieci miliardi di euro nelle buste-paga dei dieci milioni di italiani che guadagnano meno di 25 mila euro l'anno; e lo farò. Se vediamo che i tempi slittano non esiterò un attimo a farlo davvero, il decreto legge''. Parola del premier Matteo Renzi che in un colloquio con il Corriere della Sera in merito alla presentazione delle misure varate dal Consiglio dei ministri, sottolinea: ''Mi sono impegnato sul primo maggio, e primo maggio sarà''.

E a quanti hanno deriso il suo programma dice: ''Chi ironizza non ha la minima idea di cosa voglia dire guadagnare 1.500 euro al mese, dover rinunciare a comprare un libro ai propri figli, non poter uscire una sola sera la settimana a mangiare una pizza''. Quanto al presidente di Confindustria, afferma: ''Non ce l'ho con Squinzi. E' una persona perbene, e io non sono un permaloso'' Poi assicura che ''le imprese non le abbiamo certo trascurate''. In merito ai sindacati sottolinea: ''Questa è la manovra più di sinistra degli ultimi tempi, per come intendo io la sinistra: non abbiamo fatto assistenza, abbiamo orientato l'intera manovra sull'obiettivo di togliere tasse sul lavoro senza aumentare la spesa pubblica, anzi tagliandola, facendo pagare un po' di più solo le rendite finanziarie, senza toccare i Bot''.

E i tagli sulla spesa "improduttiva", assicura il sottosegretario alla presidenza Graziano Delrio, ci saranno, grazie al piano Cottarelli, per "32 miliardi nei prossimi tre anni". L'operazione annunciata da Renzi, osserva, "scontenta le inefficienze", sottolineando che l'Italia sa risparmiare e ora deve imparare a crescere. Delrio spiega che "la tassazione delle rendite finanziarie ci porta in Europa e ci consente di ridurre le tasse" e che tra le ipotesi c'è anche un contributo da parte delle 'pensioni d'oro'. Il governo vuole "convincere la Merkel - l'incontro è in agenda il 17 marzo - con i fatti non con le parole".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook