Martedì, 18 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Bimbo di 3 anni dimesso da ospedale muore a casa
STORIE TRISTI

Bimbo di 3 anni
dimesso da ospedale
muore a casa

Appena tre anni e mezzo: è arrivato all'ospedale di Tarquinia, gli hanno dato alcune medicine e poi è stato detto ai genitori di riportarlo a casa.
Dove è morto. Aveva una febbre particolarmente alta, per questo avevano deciso di portare il loro piccolo al pronto soccorso.
Ora la Procura della Repubblica di Civitavecchia ha aperto un'inchiesta e sarebbero già partiti due avvisi di garanzia per i medici. Ma anche la Asl di Viterbo ha avviato subito un'indagine interna per capire cosa sia accaduto.
Non stava bene ieri, il bimbo. La temperatura sul termometro aveva iniziato a salire sempre di più. Così la coppia ha deciso di fare quella trentina di chilometri che separano casa loro - Pescia Romana, frazione di Montalto di Castro, in provincia di Viterbo - dal pronto soccorso di Tarquinia. Un ospedale che negli anni si è visto prima sottrarre il reparto di pediatria, poi quello di neonatologia.
Il bambino è stato tenuto un po' sotto osservazione, i medici gli hanno dato alcuni farmaci, poi lo hanno dimesso. Arrivati a casa papà, mamma, il piccolo e il suo fratellino gemello si sono messi a dormire. Ma il bambino, dopo essersi addormentato, non si è svegliato più.
Stamattina il dramma: quando si sono alzati, i genitori si sono accorti che loro figlio non respirava. Hanno chiamato subito il 118, ma quando il personale medico è arrivato non c'era più nulla da fare. Era già morto. Della vicenda ora si stanno occupando i carabinieri. Dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia, il magistrato Bianca Maria Cotronei ha aperto un'inchiesta, è stato quindi disposta l'autopsia sul corpicino del bimbo, trasferito all'obitorio di Montalto di Castro, che dovrebbe svolgersi la prossima settimana a Roma. Ci sarebbero però già due avvisi di garanzia per altrettanti medici dell'ospedale di Tarquinia.
Ma anche la Asl ha deciso di muoversi subito. Dall'azienda fanno sapere che è stata aperta un'indagine interna per accertare che tutte le procedure siano state seguite secondo quanto previsto dal protocollo. La Aasl si metterà inoltre completamente a disposizione della magistratura di Civitavecchia, cui verrà fornita documentazione e collaborazione per fare piena luce su quanto accaduto la scorsa notte.
Infine la Regione Lazio: ha chiesto al commissario straordinario della Asl di Viterbo, Luigi Macchitella, una relazione con informazioni dettagliate in merito all'inchiesta interna appena avviata. "Quanto accaduto - spiegano dalla Regione - genera una forte inquietudine e necessita al più presto di esaustivi chiarimenti". (ANSA)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook