Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Patti, il giorno del dolore
TRAGEDIA SULLA ME-PA

Patti, il giorno
del dolore

 Era un uomo grande e grosso, ma dal cuore gentile e dal sorriso facile. Inconfondibile accento palermitano, si vantava spesso di essere parente del grande Joe Di Maggio, il mitico giocatore di baseball statunitense. E nessuno ha mai capito realmente se scherzasse o dicesse la verità. Questo era Guglielmo Di Maggio, un uomo mite e dalla battuta sempre pronta. A Patti lo conoscevano in tanti: qui aveva messo su famiglia sposando Nunzia Natoli, dalla quale aveva avuto due splendidi figli, Anna e Antonino. I due coniugi erano titolari della macelleria “I capricci della carne”: una modesta attività travolta, come tante, dalla crisi. Poi la svolta grazie ad un’offerta di lavoro a Partinico, lontano da casa ma con la sicurezza di poter garantire un futuro ai due bambini. Purtroppo, però, la speranza di ricominciare si è infranta definitivamente in un tiepido pomeriggio primaverile, sabato, quando la station wagon su cui viaggiava la famiglia, diretta a Palermo per il weekend, si è schiantata contro l’a u t o c o mpattatore fermo di traverso all’interno della galleria “Battaglia”, tra Castelbuono e Cefalù.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook