Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Incidente sul lavoro muore operaio 54enne
GELA

Incidente sul lavoro
muore operaio 54enne

Un operaio dell'indotto dell'Eni, Antonio Vizzini, di 54 anni, dipendente dell'impresa Lorefice, è morto, stamani, in un incidente sul lavoro avvenuto poco dopo le 10 nell'area della centrale termoelettrica della raffineria di Gela. Ancora da accertare l'esatta dinamica del sinistro. Pare che l'operaio sia stato investito e schiacciato da una gru in manovra, durante lavori di manutenzione ordinaria.
Soccorso e trasportato in ospedale, Antonio Vizzini è giunto al pronto soccorso dopo il decesso. Indagini sono state avviate dai carabinieri. La zona dell'incidente è stata posta sotto sequestro. Oltre all'inchiesta giudiziaria sono scattati anche gli accertamenti dell'ispettorato del lavoro e della direzione della raffineria, che è ferma per l'incendio del 15 marzo scorso avvenuto in una tubazione tra gli impianti Topping e Coking, all'isola 7 Nord dello stabilimento.
Un'ora di sciopero generale dei lavoratori di tutte le categorie operanti nel petrolchimico di Gela è stata proclamata dai sindacati confederali Cgil Cisl e Uil, in segno di protesta per la morte dell'operaio dell'indotto, Antonio Vizzini, avvenuta stamani nell'area della centrale termoelettrica aziendale, e per sollecitare maggiori controlli e più misure di sicurezza in fabbrica. Durante lo sciopero, dalle 16 alle 17, le maestranze daranno vita a un sit-in davanti ai cancelli della raffineria.
Nell'esprimere solidarietà alla famiglia di Vizzini, i sindacati scrivono in una loro nota che "Gela, e la sua industria, devono trovare la possibilità di rilanciare la raffineria in un contesto dove ambiente e sicurezza si conciliano con l'intero comprensorio".

"C'è forte preoccupazione per i fatti che stanno interessando l'area dell'ex petrolchimico a partire dall'incendio che ha costretto la magistratura al sequestro della zona fino all'incedente di oggi". Lo dicono i sindacati Cgil, Cisl e Uil della provincia di Caltanissetta dopo l'incidente sul lavoro in cui è morto Antonio Vizzini della società Lorefice e Ponzio.
"Simili avvenimenti - proseguono - pongono il territorio in una fase di grave difficoltà funzionale e sembrano circostanze che se attentamente valutate, fanno presagire scenari i cui orizzonti non sempre sono individuabili. Coscienti di ciò, chiediamo una maggiore sicurezza e un più attento controllo nei cantieri di lavoro della raffineria e la possibilità che gli investimenti annunciati si possano realizzare in tempi brevi per avere la garanzia che gli impianti interessati ed esistenti, vivano una nuova fase per raggiungere livelli di sicurezza e di eccellenza".
"Siamo costernati - aggiungono il segretario nazionale dell'Ugl Chimici, Luigi Ulgiati, e il segretario provinciale Andrea Alario - da quanto accaduto alla raffineria di Gela.
Esprimiamo il più profondo cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia del lavoratore vittima del grave incidente di questa mattina". (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook