Giovedì, 23 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Il ragazzo disabile che accusa l'Italia
A BRUXELLES

Il ragazzo disabile
che accusa l'Italia

disabili, Sicilia, Archivio, Cronaca

365 giorni dopo, un ragazzo di 26 anni, Lorenzo Torto, e la sua sedia a rotelle sono tornati una seconda volta a Bruxelles per chiedere alla Commissione europea com'è possibile che, in Italia, il lavoro è una missione (quasi) impossibile per i disabili. L'84% dei portatori di handicap in età lavorativa non ha un impiego e i disoccupati iscritti alle liste di collocamento obbligatorio sono 750 mila, secondo dati 2013 del ministero del Welfare. Questa situazione ha portato la Commissione a valutare se aprire una nuova procedura di infrazione contro l'Italia, che ha già subito una bocciatura sul diritto al lavoro dei disabili nel luglio scorso. Dalla prima petizione di Torto alla Commissione europea, il 20 marzo 2013, infatti, sono successe molte cose. La Corte di Giustizia europea ha condannato l'Italia per non aver imposto ''a tutti i datori di lavoro l'adozione di provvedimenti efficaci e pratici, in funzione delle esigenze delle situazioni concrete, a favore di tutti i disabili'' come previsto dalla normativa comunitaria. Inoltre il governo Letta ha rifinanziato il fondo per l'occupazione dei portatori di handicap per 10 milioni di euro nel 2013 e 20 milioni nel 2014. Ma secondo Torto ''nella vita quotidiana di tante persone che soffrono non è cambiato niente'' e anche la Commissione Europea ha chiesto chiarimenti all'esecutivo su come viene attuata la normativa. 

''La Commissione ha comunicato che è ancora in corso la procedura di osservazione del nostro Paese per verificare l'efficacia della legge 93/2013 nel garantire la piena inclusione dei disabili nel mondo del lavoro'', afferma la presidente della Commissione petizioni dell'Unione Europea, Erminia Mazzoni (Ppe). ''Preso atto dell'immobilismo italiano denunciato da Lorenzo Torto, ho invitato il premier Matteo Renzi e il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a dare seguito con urgenza alle disposizioni della Corte'', aggiunge l'europarlamentare. Il governo ancora non ha assegnato la delega alla disabilità, ma il sottosegretario al Lavoro Franca Biondelli garantisce ''la forte attenzione e la piena disponibilità'' dell'esecutivo su queste tematiche. La legge italiana è ''unanimemente riconosciuta tra le più avanzate nell'ambito della non discriminazione, ma è anche tra le maggiormente inapplicate'', osserva il sottosegretario. E anche la recessione influisce in modo pesante perché le aziende in crisi possono sospendere gli obblighi di assunzione dei disabili previsti dalla legge 68/99. ''In questo modo si calcola che circa il 25% dei posti previsti per i disabili rimane non assegnato, tanto nel settore pubblico quanto nel privato'', conclude Biondelli. E così il disagio aumenta, come registra la responsabile della politiche per la disabilità della Cgil, Nina Daita, che racconta: ''ormai quasi quotidianamente mi arrivano lettere e telefonate di disabili disperati per la ricerca di lavoro, la solitudine e la paura per il futuro''.

La lotta per il diritto al lavoro dei disabili è diventata la sua battaglia dopo che è rimasto disoccupato. Lorenzo Torto, 26 anni, si è iscritto alle liste di collocamento obbligatorio e si è reso conto che nella sua provincia, Chieti, non esistevano posti per un ragazzo in sedia a rotelle. Gli unici impieghi disponibili riguardavano gruisti, saldatori e infermieri, tutti inaccessibili per lui. Torto non ha buone gambe, ma non gli manca una ''lingua biforcuta'', come non smette di ripetere, e ha deciso di non arrendersi e di farsi sentire in tutte le sedi istituzionali per dare voce a ''quelle persone che soffrono e che si trovano a pesare sulle loro famiglie anche se tutto quello che chiedono è un lavoro per rendersi indipendenti''. In Italia è riuscito a farsi ascoltare anche dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e ha trovato un lavoro per sé nel settore ospedaliero, ma non si è fermato. ''Non lo faccio per me, ma per tutte le persone nella mia condizione. Non è possibile che lo Stato aggiunga la sofferenza della disoccupazione ai tanti mali delle persone disabili'', afferma. Così Torto ha portato la sua protesta a Bruxelles con due petizioni alla Commissione europea. Dopo la prima, nel marzo scorso, è arrivata per l'Italia una sentenza di condanna della Corte di giustizia europea per non aver applicato la normativa comunitaria sul diritto al lavoro dei disabili. Ora la Commissione sta valutando se aprire una nuova procedura di infrazione. ''Prima di parlare tanto del semestre di presidenza italiana, il governo dovrebbe meritarsi di far parte dell'Unione Europea applicando finalmente le norme comunitarie per il diritto al lavoro dei più deboli. Ma non si vergogna - conclude Torto - di essere il primo Stato membro per violazioni dei diritti dei propri cittadini riscontrate dalla Corte di Strasburgo? Ha già dovuto pagare più di 71 milioni di euro di indennizzi''.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook