Lunedì, 29 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio La sfida di Cuzzocrea 'complici silenti'
AMMINISTRATIVE RENDE

La sfida di Cuzzocrea
'complici silenti'

Accolgo con molto piacere l’invito per l’incontro pubblico in piazza fra i candidati a Sindaco della Città di Rende. Certamente, anche in quella sede, potremo dare la giusta e tangibile dimensione delle responsabilità di chi negli anni ha contribuito a generare i guasti, che di fatto sono scaturiti nell’attuale situazione finanziaria,  di degrado dei servizi e di disagio sociale in cui versa oggi la città di Rende. Ad affermarlo il candidato a sindaco del Centro Democratico, Andrea Cuzzocrea."La città di Rende - prosegue -  sa bene chi sono stati i “governanti”, nome e cognome alla mano, e chi è stato invece la parte politica che, se pur dai banchi dell’opposizione, ha cercato di spronare e proporre soluzione ai problemi di interesse comune. Mi meraviglia De Rose, che denuncia ulteriori debiti fuori bilancio relativi a mancati pagamenti di fatture relative alla fornitura di energia elettrica  e gas per gli anni 2010, 2011 e cosi via. Ma dove era la maggioranza di Verre, De Rose, i loro “ispiratori”  ed alcuni dei candidati di Manna, quando il sottoscritto ed anche altri consiglieri di opposizione, a dire il vero, già a partire dall’anno 2006, cercavano di spronare la maggioranza verso l’avvio di programmi e progetti che avrebbero portato a riduzioni sostanziali dei costi energetici, con consistenti economie in bilancio e conseguente possibilità di ridurre drasticamente il generato debito di 5.000.000 di Euro e certamente avrebbero consentito di impegnare ed utilizzare le risorse risparmiate per il sociale o per una migliore programmazione dei servizi essenziali? Ai concorrenti Candidati a Sindaco, annuncio che, oltre a questo, se si vanno a guardare le carte, avranno modo di appurarne anche altri, fra cui, un potenziale Debito Fuori Bilancio di circa 3 – 4 milioni di euro, relativo alla cifra eccedente non prevista nel quadro economico di progetto,  per l’indennizzo dei terreni, ove stà sorgendo il parco Acquatico. Non a caso, il sottoscritto, nel proprio programma amministrativo, ha dichiarato testualmente che Il primo impegno che affronteremo dopo il 25 Maggio, sarà un’operazione di trasparenza e di verifica sull’effettiva situazione finanziaria delle casse comunali, andando ad approfondire quanto già analizzato dalla Gestione Commissariale, che di fatto ha generato la procedura di richiesta del Pre- Dissesto Finanziario per un importo di circa 16 milioni di euro”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook