Martedì, 20 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
VIA D'AMELIO

"Istituzioni stiano
lontane da noi"

«Sono qui per lottare per la giustizia. Quei magistrati che stanno cercando la verità su via D’Amelio, una strage di Stato e non solo di mafia, oggi vengono ostacolati anche dai gradi più alti delle istituzioni, forse perché il processo sulla trattativa ha spezzato una congiura del silenzio della quale purtroppo è stata complice larga parte delle istituzioni». Lo ha detto il fratello di Paolo Borsellino, Salvatore, intervenendo a Palermo alla presentazione delle iniziative in programma per ricordare la strage di via D’Amelio. «La seconda Repubblica - ha concluso - ha le fondamenta bagnate di sangue. Noi non disponiamo di grandi navi della legalità proprio perché non vogliamo una sfilata di avvoltoi e personaggi politici che non hanno il diritto di parlare di Paolo e di quella strage o di portare corone di fiori in via D’Amelio». (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook