Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Nozze nulle in Chiesa, non per l'Italia dopo 3 anni di convivenza
SENTENZA

Nozze nulle in Chiesa, non per l'Italia dopo 3 anni di convivenza

nozze nulle, Sicilia, Archivio, Cronaca

La nullità delle nozze concordatarie sancita dai tribunali ecclesiastici non può essere riconosciuta dallo Stato italiano se la convivenza coniugale si è protratta per almeno tre anni. Lo hanno stabilito le Sezioni Unite della Cassazione, ponendo un limite al recepimento delle nullità matrimoniali dichiarate dai giudici ecclesiastici. (ANSA).

La convivenza 'come coniugi'" è un valore riconosciuto dalla Costituzione e va tutelata come situazione giuridica di "ordine pubblico italiano", hanno sostenuto le sezioni Unite civili della Cassazione: pertanto, se la convivenza dura almeno tre anni, "è ostativa" del riconoscimento della nullità del matrimonio dichiarato dal giudice ecclesiastico. Il principio di diritto è stato affermato in una vicenda giudiziaria nella quale il marito - un uomo della provincia di Venezia - si era opposto alla richiesta della moglie di far valere anche in Italia gli effetti civili della nullità del loro matrimonio dichiarata dal Tribunale ecclesiastico del Triveneto. Affermato il principio giuridico, la Suprema Corte ha tuttavia respinto il ricorso dell'uomo poiché ha fatto valere il principio della lunga convivenza solo in Cassazione e non anche davanti alla Corte d'Appello di Venezia, che aveva dato ragione alla moglie. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook