Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Richiesto arresto per deputato di Forza Italia
LUIGI CESARO

Richiesto arresto
per deputato
di Forza Italia

Richiesta d’arresto alla Camera per Luigi Cesaro, deputato di FI. L’indagine che lo riguarda è legata a un piano di investimenti produttivi a Lusciano, nel Casertano, da 50 milioni di euro. Un’indagine dei pm napoletani che un anno e mezzo fa portò all’inoltro al gip di una richiesta di misura cautelare, oggi firmata e notificata a Montecitorio. A chiamare in causa Cesaro, due pentiti dei Casalesi, Luigi Guida e Gaetano Vassallo. Secondo Guida, a Lusciano, dove si doveva realizzare un piano di sviluppo industriale con fondi per il Pip locale, due appalti furono assegnati a ditte della famiglia Cesaro su pressioni del clan dei Casalesi, fazione Bidognetti. Vassallo ha raccontato ai pm Marco Del Gaudio, Cesare Sirignano e Antonello Ardituro, che Cesaro sarebbe stato presente a una riunione a Lusciano proprio per decidere quali ditte avrebbero lavorato alla realizzazione del piano. Luigi Cesaro in passato è stato coinvolto in un’altra inchiesta legata alla Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo, con condanna in primo grado e assoluzione in Cassazione. E’ stato anche coinvolto dell’indagine sulla costruzione di un centro commerciale a Villa di Briano, per la quale è sotto processo l'ex sottosegretario Nicola Cosentino. Luigi Guida, detto 'o drink, è stato anche reggente della fazione dei Casalesi legata a Francesco Bidognetti, il boss detenuto da anni al 41 bis. Anche l'avvocato del boss, Michele Santonastaso, sotto processo per concorso esterno ad associazione a delinquere di stampo mafioso, ha raccontato che Guida aveva coinvolto nell’affare del piano, "Ferraro (ex consigliere regionale campano più volte indagato e arrestato, ndr.), Cesaro un altro politico, mi sembra un onorevole, e aveva coinvolto l’amministrazione comunale di Lusciano". E secondo quanto si è appreso, nell’indagine che ha portato alla richiesta alla Camera sono coinvolti proprio Ferraro, dei fratelli del deputato e una serie di amministratori pubblici locali. (AGI)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook