Giovedì, 05 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Stime Fmi crescita Italia in ribasso
ECONOMIA

Stime Fmi
crescita Italia
in ribasso

fmi, Sicilia, Archivio, Cronaca

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) rivede al ribasso le stime di crescita per l'Italia. Il pil salira' quest'anno dello 0,3%, ovvero 0,3 punti percentuali in meno rispetto alle stime di aprile. Nel 2015 la crescita accelerera' a +1,1% (stima confermata). Il +0,3% del 2014 segue il -1,9% del 2013 e il -2,4% nel 2012.
La crescita dell'Italia è la più bassa fra i paesi dell'area euro citati dal Fmi. La Germania crescerà quest'anno dell'1,9% (+0,2 punti percentuali) e nel 2015 dell'1,7% (+0,1 punti percentuali). Il pil francese si espanderà nel 2014 dello 0,7% (-0,3 punti percentuali) e nel 2015 dell'1,4% (-0,1 punti percentuali) rispetto alle stime precedenti. La Spagna crescerà dell'1,2% nel 2014 (+0,3 punti percentuali), per poi accelerare al +1,6% nel 2015 (+0,6 punti percentuali).

Taglia stima crescita mondo 2014 a +3,4% 
Il Fmi rivede al ribasso la crescita mondiale. Il pil salira' nel 2014 del 3,4% (-0,3 punti percentuali rispetto alle stime di aprile), per poi accelerare al +4,0% (stima confermata) nel 2015. A pesare e' la 'frenata' degli Stati Uniti nel primo trimestre per l'inverno rigido e le prospettive meno ottimiste su alcuni mercati emergenti.

+1,1% pil euro 2014 poi accelera, ripresa debole 
 Il pil dell'area euro si espandera' dell'1,1% nel 2014, per poi accelerare al +1,5% (+0,1 punti percentuali rispetto alla stima di aprile) nel 2015. Seconfi il Fmi la ripresa resta debole, irregolare fra i vari paesi, riflettendo la frammentazione finanziaria e l'elevato tasso di disoccupazione.

Restano rischi ribasso mondo, avanti riforme 
Restano rischi al ribasso sulle prospettive di crescita globali, con le tensioni geopolitiche che potrebbero portare a un aumento dei prezzi del petrolio. Il Fmi sottolinea che in diverse economie avanzate e in quelle emergenti è necessario andare avanti con le riforme strutturali per rafforzare la produttività e aumentare la potenziale crescita.

Ripresa Usa rallenta, +1,7% pil 2014. Frenano Bric
L'economia americana frena. Il pil 2014 crescerà solo dell'1,7%, ovvero 1,1 punti percentuali in meno rispetto alle stime di aprile. Il pil americano accelererà nel 2015 segnando un +3,0%. Frenano anche i Bric. La Cina crescerà quest'anno del 7,4% (-0,2 punti) e nel 2015 del 7,1% (-0,2% punti). La Russia crescerà nel 2014 dello 0,2% (-1,1 punti) e il prossimo dell'1,0% (-1,3%), mentre le stime per l'India vengono confermate a +5,4% e +6,4%. Il Brasile crescerà quest'anno dell'1,3% (-0,6 punti) e nel 2015 del 2,0% (-0,6%).

Politica monetaria sia accomodante in economie avanzate 
 La politica monetaria dovrebbe rimanere accomodante in tutte le economie avanzate, anche se le prospettive economiche e di inflazione richiederanno una graduale normalizzazione in momenti diversi. Lo afferma il Fondo Monetario Internazionale sottolineando che la riforma del sistema finanziario dovrebbe essere completata per limitare i rischi alla stabilità finanziaria.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook