Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ebola, sito web "mappa" l'epidemia prima dell'Oms
IL VACCINO NEL 2015

Ebola, sito web
"mappa" l'epidemia
prima dell'Oms

ebola, mappa online, Sicilia, Archivio, Cronaca

Un sito internet basato su speciali algoritmi sembra riuscire a prevedere i focolai di Ebola meglio e ancora prima delle autorità ufficiali quale l'Organizzazione Mondiale di Sanità (OMS): si tratta di 'Healthmap', che sfrutta informazioni da varie fonti tra notiziari, social network e fonti ufficiali come l'OMS stesso - come si muove un'infezione, anche una rapida e contagiosa come l'Ebola. Secondo quanto riferito su Spectrum, il giornale ufficiale della più grande associazione di innovazione tecnologica IEEE - 'Institute of Electrical and Electronics Engineers', Healthmap ha ''dato l'allarme'' al proprio staff sulla presenza di un focolaio di infezione in Guinea ben 9 giorni prima del primo allarme ufficiale diffuso dall'OMS che risale al 23 marzo. HealthMap è stato creato da due ricercatori del Children's Hospital di Boston, John Brownstein, epidemiologo e docente di pediatria e Clark Freifeld, sviluppatore di software. Healthmap è intelligente e riesce a scartare le fonti non attendibili. Siti come questo possono dunque divenire di cruciale utilità per le autorità sanitarie locali e non solo per bloccare subito l'epidemia e prevenire ulteriori contagi.

Oms, delusi da sospensione voli per paesi colpiti - L'Oms è 'delusa' dalla scelta di molte compagnie aeree di interrompere i voli verso i paesi colpiti dal virus Ebola. Lo afferma in un tweet la stessa agenzia, che ha sempre sottolineato che le misure di prevenzione sono sufficienti ad evitare i contagi.

L'epidemia di Ebola in Africa  si aggrava, con i casi che aumentano e sempre più paesi che chiudono le frontiere, e sembra sempre più probabile l'ipotesi che per fronteggiare il virus si ricorrerà anche a farmaci e vaccini ancora sperimentali, ma che il precipitare della situazione faranno tirare fuori dal cassetto. All'arrivo di un vaccino, afferma un dirigente dell'Oms, potrebbero mancare pochi mesi, e l'agenzia potrebbe decidere già la prossima settimana di accelerare l'adozione dei trattamenti, come quello che sta facendo guarire il missionario americano colpito nei giorni scorsi, sperimentati finora solo sugli animali. L'ottimismo sui tempi per il vaccino viene dalle parole del direttore del dipartimento immunizzazione dell'Oms Jean-Marie Okwo Bélé, che in un'intervista alla radio francese Rfi ha rivelato che l'agenzia pianifica di iniziare a settembre i test di una formula messa a punto dalla multinazionale britannica Gsk.

''Il nostro obiettivo è di iniziare i test a settembre - ha spiegato - prima negli Usa e poi sicuramente in un paese africano, visto che è lì che abbiamo i casi. Verso fine anno potremmo avere i risultati, e trattandosi di un'urgenza si può pensare a delle procedure accelerate per averlo a disposizione nel corso del 2015''. Le nuove procedure per i test potrebbero scaturire dalla riunione del comitato di esperti di bioetica e medicina che l'Oms riunirà lunedì prossimo. ''Ci si può chiedere se è giusto fare una sperimentazione in una situazione di emergenza - afferma Stefano Vella, direttore del dipartimento del farmaco dell'Iss - ma d'altra parte senza l'emergenza nessuno si muove. E' un po' come ai tempi di Jenner, l'inventore dei vaccini, che sperimentò il suo su suo figlio per proteggerlo dal vaiolo''.

Di sicuro il siero sperimentale ZMapp, quello usato sui missionari americani infettati, sembra dare buoni risultati. "Divento più forte ogni giorno - scrive Kent Brantly, il medico attualmente in isolamento ad Atlanta - e ringrazio Dio per la sua misericordia perchè ho combattuto questa terribile malattia''. Dove invece il virus continua a mietere vittime è in Africa. In Nigeria sono stati segnalati due nuovi casi, che quindi sono diventati nove nel paese dove il virus è arrivato con un viaggiatore liberiano, mentre la Guinea ha deciso di chiudere le frontiere con Liberia e Sierra Leone, dove oltre 1500 poliziotti sono impegnati a far rispettare quarantene e isolamenti. A Monrovia sono iniziate invece le preghiere pubbliche per invocare la protezione divina contro il virus. Oltre che di preghiere l'Africa ha però bisogno di aiuti concreti da parte dei paesi occidentali.

"L'Ebola - commenta il segretario della Cei e Vescovo di Cassano allo Jonio, mons. Nunzio Galantino - mette in luce la distrazione, chiamiamola così ma è molto più che distrazione, dell'Occidente nei confronti di una realtà, quella africana, che per troppo tempo è diventata soltanto un luogo da razziare, un luogo da umiliare, un luogo da corrompere, un luogo da trasformare in discarica". Intanto anche l'Italia ha il suo falso allarme, che si aggiunge ai diversi registrati nel mondo in questi giorni. Un sospetto caso di Ebola si è verificato questa mattina al pronto soccorso di Gallarate, nel Varesotto, ma per fortuna l'uomo portato in ospedale dal 118 non era affetto dal devastante virus, ma era vittima della malaria

Oms, morti salgono a 961, 1.779 casi - L'epidemia di Ebola si avvicina sempre più ai mille morti. Secondo le ultime stime dell'Oms, pubblicate oggi e aggiornate al 6 agosto, sono 961 le vittime su 1779 casi. Dall'ultimo aggiornamento, datato 4 agosto, non si sono registrati nuovi casi in Guinea, mentre aumenta il conto in Nigeria. Lo stato più colpito rimane al momento la Sierra Leone, dove sono stati chiusi i cinema e gli stadi e ci sono forti limitazioni alla circolazione, con 717 casi e 298 morti. In Nigeria invece, dove il virus è stato portato da un cittadino liberiano, i casi sono saliti a 13, con due morti. Buone notizie invece dalla Guinea, il paese dove è iniziata l'epidemia, che non ha registrato nessun nuovo caso nei due giorni considerati anche se si sono verificati quattro morti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook