Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Cinema e pizzo il racket sul set
PALERMO

Cinema e pizzo
il racket sul set

"Ci siamo veramente liberati del condizionamento del pizzo nel cinema? Da magistrato sono pessimista. Sarebbe opportuna una rivoluzione copernicana, denunciare ogni pressione e smettere di fare i sudditi". Lo ha detto Francesco Del Bene, magistrato della Dda di Palermo, intervenendo ieri a tarda sera a un dibattito organizzato da Addiopizzo su "Cinema e pizzo" alla spiaggia Sconzajuoco sul lungomare di Isola delle Femmine (Pa), in occasione del 23/mo anniversario dell'uccisione dell'imprenditore Libero Grassi. Il magistrato ha ricostruito il racket sui set cinematografici, dall'imposizione di comparse e operai fino all'inchiesta che ha portato all'arresto di 41 affiliati al clan della Noce per aver chiesto il pizzo ai produttori di Magnolia fiction, durante le riprese a Palermo della serie televisiva "Il segreto dell'acqua", con Riccardo Scamarcio. "Ho scoperto che prima dei casi più recenti come con la produzione Magnolia - ha aggiunto Del Bene - avevano chiesto il pizzo anche a Francis Ford Coppola durante le riprese de 'Il padrino', al punto da costringere la produzione a spostarsi da Palermo nel Messinese. Era tanto tempo fa, ma le cose non sono molto diverse oggi". All'incontro erano presenti anche Pina Maisano Grassi e Pif, regista de "La mafia uccide solo d'estate". "Spero che Pif sia il futuro - ha proseguito il magistrato Del Bene - ma credo anche che a Pif non abbiano chiesto il pizzo proprio perché è lui e se ne conosce l'orientamento, mi chiedo se a una società sconosciuta del Nord sarebbe successo lo stesso".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook