Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Lo struggente silenzio in ricordo di due angeli
VULCANELLI

Lo struggente silenzio
in ricordo di due angeli

Nei due plessi dell’istituto «Luigi Capuana» di Aragona, in provincia di Agrigento, frequentati da Carmelo e Laura, i due fratellini morti sabato nell’esplosione dei vulcanelli nella riserva Maccalube, minuto di silenzio osservato da alunni e insegnanti. «Carmelo era un ragazzino dolcissimo e tutti nella scuola hanno di lui un bellissimo
ricordo», ha detto la dirigente scolastica Pina Butera.

Vertice, poi, al Palazzo di giustizia di Agrigento, tra magistrati e carabinieri sulla tragedia. Presenti il sostituto Carlo Cinque, che è titolare del fascicolo di inchiesta, il procuratore Renato Di Natale e l’aggiunto Ignazio Fonzo. Al momento il fascicolo è a carico di ignoti - ma se, come è probabile, i magistrati decideranno di ordinare delle perizie è pressoché scontato che ci saranno indagati - mentre le ipotesi di reato sono di omicidio colposo plurimo, disastro ambientale e omissione di atti d’ufficio in ordine alle presunte mancate verifiche e agli omessi controlli sulla pericolosità del sito.

Il presidente regionale di Legambiente, nonchè direttore della Riserva Mimmo Fontana, ha ribadito la "imprevedibilità dell’evento" e ha anche respinto le accuse del dirigente generale del dipartimento Ambiente della Regione Gaetano Gullo, secondo cui Legambiente aveva i fondi per dotarsi delle centraline di monitoraggio: "La convenzione con la Regione - ha aggiunto Fontana - prevede che Legambiente possa limitare la fruizione per motivazioni di urgenza e necessità come è avvenuto quando sono stati rilevati fattori che potevano determinare l’aumento del rischio per la pubblica incolumità. E’ doveroso distinguere tra pericolo e rischio. Il fenomeno è pericoloso, ma i rischi possono essere contenuti, come è avvenuto in questi 18 anni, in cui circa 200.000 persone hanno visitato i vulcanelli". Ma Fontana ha anche spiegato un altro aspetto scientifico: "Stiamo registrando emissioni di gas caldo, cosa mai accaduta in precedenza". (AGI)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook