Venerdì, 14 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio La strage di Capaci e il brindisi dei detenuti
COSA NOSTRA

La strage di Capaci
e il brindisi
dei detenuti

I detenuti di Termini Imerese, dove era detenuto Antonino Giuffrè, dopo la strage di Capaci in cui morirono Giovanni Falcone, sua moglie e gli agenti della scorta «erano contenti e ci furono anche dei brindisi».  A spiegarlo, nell’aula bunker di Milano, dove è in corso il processo cosiddetto 'Capaci Bis' che riguarda, in particolare il reperimento dell’esplosivo usato per l’eccidio, è stato il pentito Giuffrè: uno dei tre collaboratori di giustizia che saranno sentiti in questi tre giorni dal giudice della corte d’Assise di Caltanissetta. Giuffrè ha spiegato di esser stato arrestato nel '92. «Ero detenuto a Termini Imerese nel settore dei detenuti comuni - ha raccontato -. Quando si apprese la notizia della stage eravamo tutti contenti: ci furono brindisi e non parlo di detenuti di mafia». E i detenuti di mafia come si comportarono, gli ha chiesto il pm. «Se erano contenti i detenuti comuni...».(ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook