Domenica, 05 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio In 100 mila in piazza Plebiscito
MORTE PINO DANIELE

In 100 mila in
piazza Plebiscito

Un fiume in piena di fans quello che è arrivato ieri sera in Piazza del Plebiscito per rendere omaggio a Pino Daniele nel primo dei flash mob napoletani –il secondo dovrebbe svolgersi questa mattina, in concomitanza con il funerale romano –, a cui era presente anche il sindaco della città Luigi de Magistris. Napoletani di ogni età hanno intonato alcune tra le più celebri e belle canzoni dell’artista scomparso, soprattutto “Je so’ pazzo” e naturalmente “Napule è”. In fondo alla piazza, già gremita dalle 19,30, tre striscioni: «Solo tu per sempre», «Dopo te nisciuno più» e «Ciao guaglio’». Sono state anche esposte la chitarra dell’artista e alcune sue fotografie. Ed è lì che il sindaco ha annunciato che a Pino Daniele sarà intitolata a Napoli una strada o una piazza: «È il minimo» ha detto. «Qui ci sono persone di ogni età –ha aggiunto il sindaco –. È un fatto molto significativo che si possano celebrare i funerali anche qui, l'abbraccio di stasera è stato unico; Napoli doveva dargli il saluto nella “sua” piazza...». Ma già da ieri le canzoni di Pino Daniele, trasmesse ad alto volume, rimbalzavano dai negozi e invadevano le strade, mentre una serie di striscioni affissi sui monumenti e nelle vie del centro di Napoli ne ricordano i brani più celebri fino a comporre una sorta di “medley”. Napoli piange la scomparsa di Pino Daniele e il giorno dopo la morte del cantautore partenopeo il dolore non è affatto più lieve. Basta fare un giro per le vie del capoluogo e nei vicoli che fecero da sfondo all’adole - scenza dell’artista scomparso nella notte tra domenica e lunedì per capire quanto profonda sia la ferita: dal San Carlo a piazza Municipio, dalla Galleria Umberto al Maschio Angioino, una lunga sequenza di striscioni anonimi, ma tutti riconducibili a un’unica matrice, lo ricordano ognuno col suo verso, fino a comporre un’unica trama, uno spartito frutto di una miscellanea di canzoni e di stili come era nelle corde di Pino Daniele. Un tour e una colonna sonora della nostalgia che parte dal Maschio Angioino dove un primo striscione - tratto da “Terra mia”, il primo album del 1977 - recita «Terra terra mia cumm è bello a la guardà», e un altro rievoca le critiche alla Lega espresse col brano “‘O Scarrafone” («Questa Lega è una vergogna, noi crediamo alla cicogna»), per passare davanti al teatro San Carlo dove si cita un verso di “Yes I know my way” («Se haje suffrì caccia a currea»). In via Toledo l’omaggio a “Quando”, una delle colonne sonore scritte da Pino per Massimo Troisi, con la frase «Siamo angeli che cercano un sorriso».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook