Giovedì, 01 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Tra i 12 arrestati complice Coulibaly
BLITZ ANTITERRORISMO

Tra i 12 arrestati
complice Coulibaly

terrorismo, Sicilia, Archivio, Cronaca

Tra le 12 persone fermate oggi nella banlieue di Parigi in relazione agli attentati terroristici della settimana scorsa c'è il principale complice di Amedy Coulibaly, quello che gli ha fornito "il più rilevante supporto logistico" e in particolare l'auto su cui viaggiava prima della sparatoria a Montrouge. Lo rivela iTelé.

A Parigi riapre Gare de l'Est, cessato allarme  - Riaperta alle 9:30 la Gare de l'Est di Parigi, dopo un'ora e mezzo di perquisizioni da parte degli artificieri. La chiusura era stata disposta dalle ferrovie SNCF, nell'ambito del piano antiterrorismo Vigipirate, in seguito a una telefonata anonima e alla presenza di un bagaglio abbandonato.

"Sono i musulmani a essere le prime vittime del fanatismo, del fondamentalismo e dell'intolleranza". Lo ha detto il presidente francese François Hollande, in un discorso all'Istituto del mondo arabo di Parigi. 
"Il fondamentalismo islamico si nutre di tutte le contraddizioni, delle povertà, dei conflitti non risolti da troppo tempo, e sono i musulmani ad esserne le prime vittime", ha aggiunto, invitando di nuovo ad "evitare le confusioni" tra estremisti violenti e musulmani moderati. "Gli atti contro i musulmani, così come l'antisemitismo, devono essere non solo denunciati, ma puniti con severità", ha detto, ribadendo che la Francia si impegna a "difendere tutti i suoi cittadini" indipendentemente dalla religione."Abbiamo un dovere di solidarietà nei confronti del mondo arabo", ha aggiunto, citando in particolare il caso del conflitto siriano, in cui "a furia di non essere affrontata, è la forza che ha avuto la meglio. "Il mondo arabo è in piena mutazione, anche se non tutte le sue 'primavere' hanno prosperato", ha proseguito Hollande, sottolineando che "questi cambiamenti richiedono tempo". In questo contesto, "la sicurezza è necessaria ai popoli arabi, perché possano compiere il loro rinnovamento".Intanto, la Lega araba ha annunciato al Cairo che studierà la possibilità di creare una "forza d'intervento rapido" anti-terrorismo. Secondo una dichiarazione letta dal segretario generale della Lega, Nabil el-Arabi, ad una riunione ministeriale straordinaria in corso nella capitale egiziana, la possibilità di formare una "forza d'intervento rapido araba per lottare contro il terrorismo" è conforme al Trattato arabo di difesa comune del 1950. El-Arabi ha esortato a tenere una riunione straordinaria del Consiglio di difesa arabo per esaminare i "meccanismi necessari" a creare questa "forza" d'intervento e i suoi presupposti "giuridici". (ANSA)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook