Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Allarme del TDM caos rete urgenza
TIRRENO COSENTINO

Allarme del TDM
caos rete urgenza

Nuova forte denuncia da parte del Tribunale del Malato dell’Alto Tirreno Cosentino indirizzata al sistema di emergenza urgenza della provincia di Cosenza in seguito ad una serie di avvenimenti che richiamano alla memoria il gravissimo episodio accaduto nelle scorse settimane in Sicilia che ha portato alla morte di una neonata. Il Tribunale del Malato è da anni che si batte per richiamare l’attenzione su un problema di primaria importanza quale quello dell’emergenza urgenza 118 e della prontezza, immediatezza ed efficienza dei soccorsi in una zona, quale quella dell’Alto Tirreno cosentino, che aggiunge problemi di natura organizzativa a quelli derivanti dalla particolare conformazione topografica dello stesso territorio.  “È inconcepibile – afferma l’avv. Domenico Oliva - che un paziente debba fare una via crucis tra i vari pronto soccorso della zona prima di essere sottoposto alle prime cure; è inaudito che un soccorso si concluda dopo una percorrenza di circa 100 km; è assurdo che un ammalato riesca ad essere trattato in ambiente protetto dopo un’ora o un’ora e mezza dall’arrivo dell’ambulanza; non è possibile che un cittadino sia costretto, a bordo dell’ambulanza che lo ha soccorso, a spostarsi da un pronto soccorso all’altro per poi ritornare al pronto soccorso iniziale; non è concepibile che frequentemente non sia possibile effettuare esami diagnostici come TAC o risonanza magnetica sulla costa e si è  costretti, in emergenza a recarsi a Cosenza congestionando ulteriormente un pronto soccorso già allo stremo delle forze; non trova alcuna spiegazione la puntuale e costante mancanza di rispetto, da parte della centrale operativa 118 di Cosenza, delle condizioni contrattuali che regolano la gestione della postazione 118 di Diamante affidata all’Ordine di Malta. Cosi -  incalza l’avv. Oliva referente del Tribunale del Malato – non hanno senso le continue attivazioni delle postazioni 118, presenti sulla fascia costiera dell’alto Tirreno, al di fuori di quelle regole e di quei protocolli che gli stessi operatori di centrale insegnano durante i corsi di formazione da loro tenuti”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook