Martedì, 31 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Servizi ASP ridotti rischio disordini
CROSIA (CS)

Servizi ASP ridotti
rischio disordini

asp, crosia, poliambulatorio, sindaco, Sicilia, Archivio

Il sindaco di Crosia lancia l'allarme per possibili disordini pubblici a causa del forte ridimensionamento del poliambulatorio specialistico Asp.  "È necessario che l’Asp e gli Enti preposti intervengano immediatamente per ripristinare e garantire i servizi essenziali offerti dalla Struttura Sanitaria, alla quale afferisce un bacino di circa 20mila persone, importante filtro e primo approccio per l’utente, e rivalutino le assegnazioni - scrive il sindaco Russo -  delle ore di specialistica sul territorio provinciale. Temo, che si possano verificare situazioni, già delineate, di protesta e grave disordine pubblico" Lettera inviata  al Governatore regionale Gerardo Mario Oliverio, al Commissario Straordinario per il rientro dal deficit sanitario, Massimo Scura, al Commissario straordinario dell’ASP di Cosenza Gianfranco Filippelli e al Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao. Dopo la prima missiva inviata nello scorso mese di Aprile, al dott. Filippelli, alla quale non c’è stata alcuna risposta, il Primo Cittadino ci riprova. "Nella prima segnalazione – si legge nella lettera - espressi già la grave situazione di disagio del Poliambulatorio della cittadina di Crosia che conta circa diecimila residenti ma sul quale si riversa un bacino di circa ventimila utenti, interessato da una forte riduzione di servizi e personale medico, chiedendone il ripristino e il potenziamento. Da allora, purtroppo, è accaduto l’esatto contrario. Non solo non c’è stato alcun potenziamento, bensì si è avuto un ulteriore grave depauperamento. Oltre ai servizi già precedentemente sospesi, in particolare diabetologia ed endocrinologia, oggi, infatti, risulta interrotto anche ortopedia che, alla data della mia prima lettera era stato ridotto da 2 a 1 unità. Paradossale se si pensa che la drammatica situazione in cui versa la Sanità nella nostra Regione con la chiusura di importanti presidi ospedalieri (come quello della vicina Cariati), oltre al depauperamento dell’Ospedale di Rossano e Corigliano, impongono all’Asp e agli Enti preposti di attivarsi con urgenza affinché vengano garantiti i servizi essenziali offerti dal Poliambulatorio, importante filtro e primo approccio per l’utente, e vengano rivalutate le assegnazioni delle ore di specialistica sul territorio provinciale. Temo, infatti, - scrive Russo in conclusione - che si possano verificare situazioni, già delineate, di protesta e grave disordine pubblico".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook