Mercoledì, 20 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio «A uccidere Alfano fu Stefano Genovese»
BARCELLONA

«A uccidere Alfano fu Stefano Genovese»

 Ad uccidere il giornalista Beppe Alfano, la sera dell’8 gennaio 1993, sarebbe stato – secondo le inedite rivelazioni fatte il 23 luglio dello scorso anno ai magistrati della Dda di Messina Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo, dal collaboratore di giustizia Carmelo D’Amico – il barcellonese Stefano “Stefanino” Genovese, 41 anni, attualmente in carcere perché deve scontare una pena definitiva a poco più di 26 anni per l’uccisione del “fraterno” amico Carmelo Martino Rizzo, assassinato il 4 maggio 1999, in un’area di sosta a Lauria sull’autostrada Salerno Reggio Calabria. L’ex capo del braccio armato della famiglia mafiosa dei “Barcellonesi”, ha cominciato a parlare del delitto Alfano, nel carcere di Bicocca a Catania, nel primo pomeriggio del 23 luglio 2014, per poi proseguire, i successivi 30 settembre, 15 ottobre e, in ultimo, il 27 novembre 2014. In ogni incontro con i sostituti della Procura distrettuale antimafia, accompagnati dai carabinieri del Ros e dagli investigatori della Squadra mobile, Carmelo D’Amico, difeso dall’avv. Antonietta Pugliese, ha raccontato nuovi particolari ed a volte aggiustato persino il tiro, ritenendo imprecise, di fronte alle contestazioni mosse puntualmente dagli inquirenti, alcune affermazioni fatte nei precedenti interrogatori.

Ulteriori dettagli potete leggerli oggi nel nostro giornale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook