Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Renzi si dimette, l’euro ai minimi da 20 mesi
REFERENDUM: LA VITTORIA DEL NO

Renzi si dimette, l’euro ai minimi da 20 mesi

dimissioni, referendum, renzi, Sicilia, Archivio, Cronaca
Renzi si dimette: l’euro ai minimi da 20 mesi

L’euro scivola ai minimi da 20 mesi dopo l’annuncio delle dimissioni di Matteo Renzi dopo la sconfitta al referendum elettorale che ha visto prevalere il No. Lo riporta l’agenzia Bloomberg.
La moneta unica torna così ai livelli del marzo 2015, cedendo più terreno rispetto a quanto accadde dopo la Brexit.

Netto, nettissimo, anche più di quanto i sondaggi avevano previsto: il No alla riforma costituzionale, stando ai primi exit poll si avvia a passo rapido verso il trionfo. Il No, secondo gli exit poll viaggia con una forbice che va dal 54 al 60% mentre il Sì, anche negli exit più "benevoli", non supera il 46%. «Se i dati saranno confermati Renzi dovrebbe dimettersi nei successivi due minuti per andare subito al voto», sottolinea il leader della Lega Matteo Salvini, tra i primi a parlare dopo lachiusura dei seggi.
In una tornata elettorale che vede l’affluenza sfiorare il 70% (secondo il Viminale si starebbe attestando al 69%) la
maggioranza silenziosa alla quale negli ultimi giorni aveva guardato Renzi sembra aver rimpolpato quel vantaggio del No alla
riforma che i sondaggi disegnavano fino a due settimane fa. E gli effetti, oltre che sul governo, sono destinati ad essere travolgenti per i maggiori partiti italiani, a cominciare dal Pd. Renzi, già prima della chiusura dei seggi, annunciava in
serata una conferenza stampa da Palazzo Chigi. «Martedì ci sarà la direzione del Partito democratico per la valutazione dell’esito del voto e le indicazioni sulle iniziative politiche da assumere», annuncia Lorenzo Guerini dal Nazareno, dove lo
stato maggiore Dem è riunito ad eccezione della minoranza, che vive la notte della sua 'rivincità: «Nel campo del No c'è stato un pezzo irrinunciabile del centrosinistra. Il risultato che si preannuncia dimostra che eravamo nel giusto», sottolinea Roberto
Speranza.
Un boato di gioia unisce invece idealmente il fronte del No.
"E'la vittoria del popolo contro i poteri forti di tre quarti del mondo», è il grido di battaglia di Salvini alla cui richiesta di dimissioni del premier si unisce subito FI, con Renato Brunetta: «Per Renzi è un game over, "matteostaiseren"»,
sottolinea il capogruppo azzurro alla Camera. «Sono commosso e orgoglioso», esulta il costituzionalista Alessandro Pace,
presidente del Comitato del No che, in giornata, a lungo protesta perché i suoi rappresentanti di lista, per le due ore iniziali, vengono esclusi dall’hangar di Castelnuovo di Porto dove sono state scrutinate le schede del contestatissimo voto
estero. Il voto «è un segnale oltre che a Renzi, a Mattarella, gli italiani non vogliono più governicchi», sottolinea Giorgia
Meloni di Fdi. Prudente invece, il M5S, che attende i dati reali. «L'Italia c'è», rimarca Roberto Fico riferendosi, in particolare, alla grande partecipazione degli elettori. Mentre, oltre che nel Pd anche per gli alfaniani alleati di Renzi al governo si preannuncia una settimana difficilissima: martedì è prevista l’assemblea dei gruppi Ap e mercoledì sarà invece Ncd a riunirsi nella direzione nazionale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook