Domenica, 08 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ROMA

Al via le consultazioni

consultazioni, Sicilia, Archivio, Cronaca
Al via le consultazioni

Consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo. Il capo dello Stato ha ricevuto la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, quello della Camera Roberto Fico e il presidente Emerito Giorgio Napolitano. Nessuno ha rilasciato dichiarazioni all'uscita.

Consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo. Il capo dello Stato ha ricevuto la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, quello della Camera Roberto Fico e il presidente Emerito Giorgio Napolitano. Nessuno ha rilasciato dichiarazioni all'uscita.

Nel pomeriggio si comincia con le consultazioni dei gruppi: il primo a varcare il portone, alle 16, sarà il turno della delegazione del gruppo "Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)"; poco più tardi, alle 16,45, attesi gli esponenti del Gruppo Misto di Palazzo Madama e alle 17,30, sarà la volta del Gruppo Misto della Camera, il cui presidente è un altro esponente di LeU, Federico Fornaro. Un'ora dopo, alle 18,30, come ultimo appuntamento del giorno, salirà al Colle la delegazione di Fdi.

Un contratto di governo, alla tedesca: è la proposta che Luigi Di Maio ha lanciato ieri, alla vigilia del primo giorno di consultazioni al Quirinale. Destinatari dell'invito al dialogo sono come "primo interlocutore" il Pd de-renzizzato o in alternativa la Lega di Matteo Salvini. Il M5s esclude però in partenza la Forza Italia di Silvio Berlusconi. In più, tiene ferma una sola condizione: Di Maio dovrà essere premier. Dal Pd si leva subito la voce del capogruppo e renziano doc Andrea Marcucci: la proposta è "irricevibile". Mentre Maria Stelle Gelmini, a nome di Fi, si indigna per il no al Cavaliere:"Siamo noi indisponibili". E Salvini pone le sue condizioni: "Si parte dal centrodestra, dialogando anche con M5s ma senza veti".

Mentre oggi in mattinata anche il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani va all'attacco a Radio Anch'Io: Di Maio usa "metodi antidemocratici" e "non mostra rispetto per i quasi 5 milioni di cittadini che li hanno votati". "Sono parole infantili, puerili - dice del leader M5S - ma ogni volta che hanno attaccato Berlusconi Fi ha aumentato i consensi".

Con una matassa ancora così intricata, è probabile che le consultazioni si chiudano con una prima fumata nera.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook