Venerdì, 23 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Catanzaro, caos perenne attorno alla Sorical. D’Ippolito: «È meglio farla fallire»

Catanzaro, caos perenne attorno alla Sorical. D’Ippolito: «È meglio farla fallire»

di
Risorse idriche, il deputato del M5S preoccupato per il crac del settore. La Regione punta a far diventare pubblico il capitale della società

Si starebbe tentando «un colpo di spugna per cancellare il fallimento della Sorical». Il deputato M5S Giuseppe d’Ippolito non ha dubbi: «Se la Regione compra le quote private il sistema va in tilt». La Regione a guida Lega vorrebbe revocare la liquidazione e rendere interamente pubblico il capitale della società che gestisce le risorse idriche - guidata dal leghista Cataldo Calabretta - che potrebbe così puntare ai fondi del Recovery Plan. «La sensazione - commenta D’Ippolito - è che Spirlì voglia favorire l’opera del suo compagno di partito. La cessione delle quote del socio privato Veolia (ammesso che la banca Depfa che le ha in garanzia accetti) e il saldo dei debiti comporterebbe un’ulteriore spesa per i calabresi e il mancato recupero degli importi degli investimenti non eseguiti. Tutto ciò per riportare in bonis una società decotta e prepararla a dilapidare i fondi del Recovery». L’Aic lo consentirà? «Mi auguro di no», dice il pentastellato, che propone una soluzione: «Mandare a fallimento la decotta Sorical e costituire una nuova società con quote al 100% dei Comuni per la fornitura dell’acqua al dettaglio e la depurazione, lasciando la captazione e la vendita all’ingrosso alla Regione che assorbirebbe il personale ex Sorical».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook