Venerdì, 23 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Social network, troppi utenti finti
INTERNET

Social network, troppi utenti finti

Utenti finti, utenti veri. Il valore presente – e futuro – di molti social network, nonchè delle aziende che li usano per farsi pubblicità, potrebbe alla fine passare da questa semplice chiave di volta.
facebook, social network, twitter, Sicilia, Cronaca

Utenti finti, utenti veri. Il valore presente – e futuro – di molti social network, nonchè delle aziende che li usano per farsi pubblicità, potrebbe alla fine passare da questa semplice chiave di volta. Ne è convinto Marco Camisani Calzolari, docente di Comunicazione Aziendale e Linguaggi Digitali all’Università IULM di Milano nonchè fondatore di Speakage Italia e Digitalground UK, autore di una delle prime ricerche sull'autenticità dei follower su Twitter.

La ricerca – rimbalzata sul sito del Financial Times – è stata condotta utilizzando come base i dati estrapolati da un programma creato appositamente per analizzare i comportamenti degli utenti su Internet. Sono stati presi in esame solo i profili di grandi aziende che vendono prodotti e servizi, con un seguito di almeno 10mila utenti. Tre i gruppi: aziende internazionali, aziende internazionali presenti in Italia, aziende italiane. La conclusione è che fino al 45% dei follower delle aziende presenti su Twitter potrebbero essere dei 'bot'. Ovvero utenti finti. «Il numero di follower non è più un valido indicatore della popolarità di un soggetto presente su Twitter e non si potrà più prescindere da approfondimenti di carattere qualitativo», spiega Calzolari.

«Molte delle aziende prese in considerazione hanno delegato a terzi le attività di pubbliche relazioni sui social network. In alcuni casi i responsabili delle web agency o dei centri media hanno scelto scorciatoie per dimostrare alle aziende, a loro insaputa, che le attività hanno avuto successo portando tanti nuovi utenti».

Il tema, ad ogni modo, può essere rilevante per future possibili quotazioni dei social network stessi – Twitter, ovviamente, ma anche Pinterest o Foursquare. «Twitter - prosegue Calzolari – ha un valore stimato di 7 miliardi di dollari. Il che significa 70 dollari a utente. Ma la stessa azienda dice che su 500 milioni di utenti solo 150 sono attivi. E' chiaro che ci troviamo di fronte a una bolla che sta per scoppiare e il caso Facebook è un chiaro esempio. Le agenzie di rating dovrebbero tenere conto della differenza fra utenti/follower veri o finti».

«I parametri che si usano per scovare i 'bot“', conclude Calzolari, «possono essere diversi e in quel caso daranno risultati differenti».  La ricetta per creare lo scova-bot perfetto non è insomma unica e irripetibile. Quella che arriva da Milano è la proposta di un modello. «L'importante è essere trasparenti». Dal mondo dell’Accademia a quello del business il passo però è breve. «Potrebbe diventare un servizio? Certo. L’algoritmo che abbiamo usato c'è ed è disponibile. E anche io lo sono», chiosa Calzolari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook