Lunedì, 19 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL DATO

Il ministero dell'Interno: contro gli amministratori locali intimidazioni in calo in Sicilia e Calabria

calabria, mafia, ndrangheta, sicilia, Sicilia, Cronaca
Il Viminale

Diminuiscono gli atti intimidatori ai danni di amministratori locali, L'esame dei dati relativi al 2018 forniti dal Viminale, rispetto all'anno precedente, consente di evidenziare una flessione (-9,2%) del fenomeno su base nazionale con 599 episodi rispetto ai 660 del 2017.

Le 10 regioni maggiormente interessate dal fenomeno nel 2018 sono state: Sardegna con 78 episodi (66 nel 2017); Lombardia con 73 episodi (96 nel 2017); Puglia con 65 episodi (88 nel 2017); Calabria con 59 episodi (79 nel 2017); Sicilia con 57 episodi (64 nel 2017); Campania con 47 episodi (52 nel 2017); Veneto con 38 episodi (47 nel 2017); Lazio con 25 episodi (31 nel 2017); Toscana con 25 episodi (10 nel 2017); Liguria con 24 episodi (24 nel 2017).

Nell'ultimo quinquennio gli atti intimidatori a livello nazionale hanno evidenziato un andamento altalenante. In particolare: nel 2014 si è registrato un aumento del 19,4% con 805 casi rispetto ai 674 del 2013; nel 2015 si è evidenziata una flessione del 23,1% con 619 episodi nei confronti degli 805 del 2014; nel 2016 si è verificato un incremento dell'11,9% con 693 eventi contro i 619 dell'anno precedente; nel 2017 il numero degli atti intimidatori è calato del 4,7% con 660 atti in confronto ai 693 del precedente anno; nel 2018 il numero degli atti intimidatori ha avuto un decremento del 9,2% con 599 atti in confronto ai 660 del precedente anno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook