Mercoledì, 21 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
INTERROGATORI

Arresti di 'ndrangheta in Emilia, i Grande Aracri non rispondono al gip

'ndrangheta, Clan Grande Aracri, emilia romagna, Francesco Grande Aracri, Paolo Grande Aracri, Salvatore Grande Aracri, Sicilia, Cronaca
Nel riquadro Francesco Grande Aracri

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Francesco, Salvatore e Paolo Grande Aracri, rispettivamente fratello e nipoti del boss Nicolino già coinvolto in 'Aemilia', il più grande processo al nord contro la 'Ndrangheta.

I tre familiari del boss sono stati arrestati a Brescello, nella Bassa reggiana dove la cosca aveva messo radici, durante il blitz della polizia nell’operazione 'Grimilde' nella notte fra lunedì e martedì scorso.

Sono comparsi in aula del tribunale di Reggio Emilia, accompagnati dagli agenti penitenziarie, davanti ai gip Giovanni Ghini e Luca Ramponi per gli interrogatori di garanzia delegati dal Gip di Bologna. Hanno deciso di non parlare o rispondere a domande. Dopo di loro sono stati ascoltati alcuni degli altri arrestati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook