Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Caso Siracusa: l'avvocato Amara patteggia la pena, a giudizio il top manager Bigotti

caso siracusa, corruzione, sistema Siracusa, Ezio Bigotti, Piero Amara, Sicilia, Cronaca
Piero Amara ed Ezio Bigotti

Ancora un nuovo scenario giudiziario del “sistema Siracusa”, l’inchiesta che in Sicilia s’intreccia con quella nazionale delle nomine al Csm e del caso Palamara. Ieri a Messina un’altra puntata s’è consumata in udienza preliminare dal gup Tiziana Leanza, per il troncone che vede come principale indagato l’imprenditore Ezio Bigotti, l’ex manager piemontese del gruppo Sti e coinvolto anche nella vicenda romana degli appalti Consip. Bigotti è stato rinviato ai giudizio, il processo a suo carico inizierà il 20 novembre.

È questo l’ultimo dei tronconi della maxi inchiesta che ormai da anni la Procura di Messina e la guardia di finanza stanno gestendo sul “sistema Siracusa”. È coinvolto anche il tecnico petrolifero Massimo Gaboardi, e c’è anche il consulente siracusano Vincenzo Ripoli, che deve rispondere di corruzione in atti giudiziari.

Bigotti, in concorso con l’ex pm di Siracusa Giancarlo Longo - anche lui imputato in questo troncone -, gli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore e il consulente Francesco Perricone, è accusato di concorso in corruzione in atti giudiziari. Sostanzialmente, Longo avrebbe conferito incarichi di consulenza tecnico-contabile a Ripoli, «al fine di escludere la sussistenza di profili di responsabilità penale in capo a Bigotti». E all’impresa a questi riconducile, la Exitone spa, sarebbe stata riconosciuta la «legittimità della richiesta di accesso alla procedura di “voluntary disclosure”».

E sempre ieri, dopo numerosi tentativi andati a vuoto nei mesi scorsi, l’avvocato Piero Amara è “riuscito” a patteggiare la pena per i fatti di Messina: un anno e due mesi in “continuazione” con i tre anni patteggiati per i fatti di Roma. Una pena, quella patteggiata a Roma, che è diventata definitiva.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook