Martedì, 15 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
ROMA

Naufragio di migranti del 2013, a giudizio due ufficiali: morirono 60 bambini

migranti, naufragio, Sicilia, Cronaca
Foto archivio

Ci sarà un processo a Roma per i presunti ritardi nei soccorsi di un barcone di migranti siriani affondato l’11 ottobre del 2013 in acque maltesi, a poca distanza da Lampedusa, con oltre 200 sopravvissuti, 26 morti e una stima di 260 dispersi (tra cui una sessantina di bambini).

Lo ha deciso il gup Bernadette Nicotra che ha rinviato a giudizio due ufficiali, Leopoldo Manna, comandante responsabile della sala operativa della Guardia Costiera, e Luca Licciardi, comandante della sala operativa della squadra navale della Marina, accusati dal pm Sergio Colaiocco di rifiuto d’atti d’ufficio e omicidio colposo.

Il processo avrà inizio il 3 dicembre prossimo davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale. Tra le parti civili costituite figurano le associazioni «A buon diritto» e l’Asgi (Associazione studi giuridici sull'immigrazione) oltre a una trentina di persone, familiari delle vittime.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook