Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
QUARGNENTO

Esplosione ad Alessandria, convalidato l'arresto del proprietario della cascina

Il gip di Alessandria Aldo Tirone ha convalidato il fermo di Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina di Quargnento esplosa nella notte tra lunedì e martedì scorsi, causando la morte di tre vigili del fuoco, il ferimento di altri due colleghi e di un carabiniere.

Il gip ha disposto la misura di custodia cautelare in carcere per l’uomo che venerdì aveva confessato di essere stato lui ad organizzare l’esplosione della cascina per incassare il premio dell’assicurazione ma che non vi era da parte sua alcuna volontà omicida. Confessione ribadita anche nel corso dell’udienza di convalida di sabato pomeriggio.

Intanto il Comune di Quargnento chiederà di costituirsi parte civile al processo per l’esplosione della cascina che ha causato la morte di Marco Triches, Matteo Gastaldo e Antonino Candido. Lo ha annunciato l’assessore Luigi Benzi, che per 14 anni, dal 2004 al 2019, è stato sindaco della cittadina alle porte del Monferrato.

«Questa tragedia ha ferito tutta l’Italia - dice Benzi - e ancora di più ha ferito gli abitanti di Quargnento. Il nostro era un paese noto per avere dato i natali al pittore Carlo Carrà, ora siamo diventati il paese della cascina dei tre vigili morti. La costituzione di parte civile è, quindi, un atto doveroso e di rispetto, oltre che nei confronti delle tre vittime, verso tutti i cittadini».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook