Martedì, 28 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca In Piemonte accordo mafia-'ndrangheta, un pentito: "Pronto attentato con bombe a mano"
LA RIVELAZIONE

In Piemonte accordo mafia-'ndrangheta, un pentito: "Pronto attentato con bombe a mano"

'ndranghta, attentato, mafia, piemonte, Sicilia, Cronaca
Palazzo di Giustizia di Torino

La 'ndrangheta stava preparando un attentato nel Torinese con delle bombe a mano: è questo il motivo per il quale un siciliano di 61 anni, dopo essersi presentato come ex appartenente a "Cosa Nostra" per il mandamento di Canicattì di Antonio Ferro, ha deciso di collaborare con la Dda del Piemonte, rendendo dichiarazioni poi utilizzate nell'inchiesta Carminius sulla presenza dei clan a Carmagnola (poi collegata a quella che in un filone laterale ha portato all'arresto dell'assessore regionale Roberto Rosso per voto di scambio).

"Ho saputo - disse il pentito all'inizio del 2018 - che delle persone si sono procurate delle bombe a mano da utilizzare per un attentato e questa cosa non mi piace e voglio evitarla". Secondo il sessantunenne, gli ordigni (sei in tutto) erano stati fatti arrivare dalla Calabria "per usarle contro una persona che creava problemi".

Nell'attesa dovevano essere custoditi a Carmagnola. Sempre secondo il pentito, nella zona "'ndrangheta e Cosa nostra hanno fatto un patto per lavorare assieme senza darsi fastidio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook