Giovedì, 20 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione, scarcerato Montante: disposto l'obbligo di dimora ad Asti
GUP CALTANISSETTA

Corruzione, scarcerato Montante: disposto l'obbligo di dimora ad Asti

corruzione, sistema Montante, Antonello Montante, Sicilia, Cronaca
Antonello Montante

È stato scarcerato Antonello Montante, l’ex presidente degli industriali siciliani, condannato a 14 anni di reclusione dal Gup di Caltanissetta per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico.

Era agli arresti domiciliari nel suo paese d’origine, a Serra Di Falco, nel Nisseno. La decisione è della Corte d’appello di Caltanissetta che ha disposto l’obbligo di dimora ad Asti.

«La scarcerazione di Antonello Montante - ha commentato il suo legale, l’avvocato Carlo Taormina - segna il vero inizio del processo. Finalmente l’ex presidente di Confindustria Sicilia può difendersi e ristabilire la verità sul suo operato e sui suoi propositi nella stagione antimafia da lui inaugurata e condotta».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook