Mercoledì, 02 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Contagi da Coronavirus e povertà, Sicilia e Calabria in trincea: la mappa della "fame"
L'EMERGENZA

Contagi da Coronavirus e povertà, Sicilia e Calabria in trincea: la mappa della "fame"

Da un lato il numero dei contagi da tenere sotto controllo, dall’altro la forte crisi economica e l’emergenza povertà. Il Sud, da settimane in trincea per cercare di contenere gli effetti del coronavirus, entra in quelli che gli esperti considerano i «giorni decisivi» sul fronte del contenimento e della lotta alla pandemia. I numeri dei contagi sono in aumento, ma per fortuna ad oggi non hanno fatto scattare un vero e proprio allarme. E questo ha consentito, e consente, alle diverse Regioni di potenziare la risposta sanitaria al Covid-19.

Intanto, sulle misure adottate dal Governo per affrontare le difficoltà quotidiane delle famiglie, in particolare al Sud, non mancano le critiche di sindaci ed amministratori. Le maggiori difficoltà alimentari si registrano nel mezzogiorno con oltre 530mila persone che hanno bisogno di aiuto per mangiare che si trovano in Campania, oltre 364mila in Sicilia e quasi 283mila in Calabria ma situazioni diffuse di bisogno si rilevano anche nel Lazio con oltre 263mila persone e con 235mila persone nella Lombardia devastata dal Coronavirus.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla emergenza alimentare in Italia dopo le misure varate dal Governo, sulla base gli aiuti agli indigenti in Italia su dati Relazione annuale Fead del giugno 2019. Con le misure restrittive per contenere il contagio e la perdita di opportunità di lavoro, anche occasionale, si aggrava la situazione e aumenta il numero dei quasi 2,7 milioni di persone che in Italia – sottolinea la Coldiretti - sono costretti a chiedere aiuto per il cibo con la distribuzione di pacchi alimentari o nelle mense.

Ad essere in difficoltà – sottolinea la Coldiretti – sono tra le categorie più deboli quasi 113mila senza fissa dimora, oltre 225mila anziani sopra i 65 anni, e 455mila bambini di età inferiore ai 15 anni che ricevono aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea) grazie ad associazioni come Banco Alimentare Roma, Banco delle opere di Carità, Caritas Italiana, Comunità di S. Egidio, Croce Rossa Italiana, Fondazione Banco Alimentare e Associazione Sempre Insieme per la Pace.

«Come è stato previsto nel Cura Italia con l’importante aumento di 50 milioni del fondo per l’aiuto agli indigenti chiediamo anche ai Comuni di destinare all’acquisto di prodotti alimentari Made in Italy e locali le nuove risorse rese disponibili per buoni spesa, buoni pasto o generi di prima necessità», afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare «l’importanza di sostenere l’economia agricola nazionale che in molti settori si trova in grande difficoltà con il blocco delle esportazioni e la chiusura di bar ristoranti e mense».

LE PERSONE BISOGNOSE DI AIUTO PER MANGIARE IN ITALIA

REGIONE ​ NUMERO INDIGENTI ​
CAMPANIA 20% ​ 530222
SICILIA 14% ​ 364156
CALABRIA 11% ​ 282974
LAZIO 10% ​ 260472
LOMBARDIA 9% ​ 235231
PUGLIA 7% ​ 175684
PIEMONTE 5% ​ 135943
EMILIA ROMAGNA 5% ​ 130202
TOSCANA 4% ​ 103398
VENETO 4% ​ 97109
MARCHE 3% ​ 67907
LIGURIA 2% ​ 66580
SARDEGNA 2% ​ 54900
VENEZIA GIULIA 2% ​ 49810
ABRUZZO 2% ​ 44988
BASILICATA 1% ​ 30767
TRENTINO ALTO ADIGE 1% ​ 22258
UMBRIA 1% ​ 20614
MOLISE 0% ​ 5049
TOTALE 100% ​ 2678264

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook