Martedì, 24 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il sacrificio dei camici bianchi, 100 i medici uccisi dal Coronavirus
LA TRISTE CONTA

Il sacrificio dei camici bianchi, 100 i medici uccisi dal Coronavirus

Raggiungono quota 100 i medici deceduti per l'epidemia di Covid-19. Altri 4 camici bianchi, informa la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), hanno infatti perso la vita. Sono i medici di famiglia Marzio Zennaro, Tahsin Khrisat, Mario Rossi e Samar Sinjab. Nel totale sono inclusi medici in attività, pensionati, pensionati richiamati al lavoro o che prestavano assistenza.

Il numero degli operatori sanitari in prima linea deceduti o contagiati dal Coronavirus sale ogni giorno. Sindacati e ordini chiedono a gran voce da settimane che chi lavora a contatto con i malati di Covid-19 sia messo in condizione di farlo in sicurezza con dispositivi di protezione individuale adeguati.

Intanto si allunga l'elenco degli operatori sanitari che non ce l'hanno fatta a vincere la battaglia contro il virus. Sono 26 gli infermieri morti e 6.549 i positivi. Complessivamente gli operatori sanitari contagiati sono 12.681, tra medici, infermieri, tecnici di laboratorio, autisti delle ambulanze, ausiliari. La Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (Fnopi)) ha sottolineato come nel giro di 48 ore il numero di positivi tra gli infermieri sia pari a un terzo dei contagiati totali nello stesso periodo di tempo, indicando anche che si tratta della categoria sanitaria che conta il maggior numero di positivi: il 52% di tutti gli operatori.

Tonino Aceti, portavoce di Fnopi, ha chiesto ancora una volta che vengano garantiti tamponi e dispositivi individuali di protezione: "Gli infermieri restano più a lungo accanto al paziente, e fanno turni anche di 12 ore ciascuno, che rendono molto più elevate le possibilità di contagio. Stanno pagando un prezzo altissimo". La presidente di Fnopi Barbara Mangiacavalli ha spiegato: "Il nostro fine è assistere i pazienti, individuarne le necessità ed essergli vicini, incidere nel processo organizzativo e decisionale del sistema e dare risposte mirate alle contingenze economiche e ai bisogni che emergono dall'attuale scenario demografico ed epidemiologico".

Dal canto suo il presidente della Fnomceo Filippo Anelli ha espresso il suo apprezzamento per le parole del Presidente della Repubblica chiedendo che "i medici, gli infermieri, gli operatori non devono più essere lasciati soli a combattere contro il virus. Non devono mai più essere lasciati a vicariare le criticità e i vuoti del nostro Servizio Sanitario Nazionale". Anelli ha poi aggiunto: "Noi contiamo su di lei, Presidente, sul Ministro della Salute Roberto Speranza, sul Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, perché ai sacrifici e al lavoro dei professionisti si risponda con il giusto rispetto e riconoscimento".​

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook